BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 100, quota 41 decisioni quadruple su attese vita (novità, pensioni)

Le quattro decisioni al vaglio su revisione del sistema di attese vita: cosa prevedono e attese per ulteriori novità per le pensioni

Pensioni ultime notizie mini pensioni, q

pensioni novità quattro decisioni attese vita



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:01): Sono quadruple le decisioni che si possono prendere per le attese vita le novità per le pensioni al centro dell'attenzione badando bene, però, che almeno due di queste nelle ultime notizie e ultimissime sposterebbero solo la questione

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:15): Sono tra gli elementi più significativi, se non già fondamentali per le novità per pensioni che si stanno affrontanto attualmente nelle ultime notizie e ultimissime da dover prendere una decisione per forza.

Dal vertice inaspettato tenutosi nei giorni scorsi tra maggioranza e rappresentanti dipendenti sembrerebbe essere emersa una certa apertura alla possibilità di novità per le pensioni di revisione del meccanismo di attese vita, una richiesta avanzata già da tempo proprio dai rappresentanti dipendenti e nei confronti della quale inizialmente l’esecutivo si era detto nettamente contrario, ma è ancora incerta l’opera di revisione che sarà portata avanti sul sistema. Probabilmente, stando a quanto emerge dalle ultime notizie, si potrebbe arrivare ad un blocco del meccanismo, almeno per il momento, per poi studiare sistemi più adatti di scatto del requisito anagrafico per il raggiungimento della pensione finale come, per esempio, definire pensioni diverse in base alla tipologia di attività, decisione che sarebbe certamente importante soprattutto nei confronti di quegli impiegati che sono stati fortemente penalizzati dall’entrata in vigore delle attuali norme pensionistiche, come coloro che sono impiegati in occupazioni faticose e coloro che sono entrati fin da giovanissimi nel mondo occupazionale. Ma le ipotesi di revisione delle attese vita potrebbero anche essere diverse.

Le quattro decisioni su attese vita

Mentre resta ancora aperto il grande capitolo sulle novità per le pensioni di quota 100 e quota 41 per tutti, particolarmente richieste da tutti e da tanto tempo, con la quota 100 che continua ad essere considerata la migliore soluzione pensionistica per tutti, e nei giorni scorsi si è ripreso l’iter del momento successivo di analisi di ulteriori novità per le pensioni, con la ripresa delle riunione tra esponenti dell’esecutivo e rappresentanti dipendenti e l’attenzione particolarmente puntata su novità per le pensioni per i ragazzi, le ultime notizie parlano di quattro possibili decisioni che potrebbero essere prese in riferimento alla richiesta di revisione del meccanismo attese vita. Le idee, stando a quanto emerso dalle ultime notizie, sono infatti diverse e sono:  

  1. idea di rinviare o congelare lo scatto del requisito anagrafico per la pensione finale collegato alle attese vita e in tal l’esecutivo dovrebbe decidere se rinviare l’adeguamento automatico che dovrebbe scattare tra 24 mesi o se bloccare i requisiti in base agli adeguamenti finora scattati senza gli ulteriori in programma, a partire da quello che dovrebbe scattare, appunto, tra 24 mesi;
  2. definire differenti pensioni in base alla tipologia di attività che si svolge e in base al sesso, portando eventualmente avanti questa novità per le pensioni con molta attenzione, perchè si potrebbe andare sempre incontro a privilegi o comunque a sistemi non universale per tutti che potrebbero, ancora una volta, contribuire a creare ulteriori differenze piuttosto che eliminarle;
  3. rivedere i criteri considerando tempi di uscita e importo della pensione finale, con possibilità di sistemi di sostegno per l’uscita anzitempo che renderebbero il meccanismo delle attese vita più flessibile e gestibile, differenziato anche in base agli impiegati;
  4. idea di blocco e rinvio momentaneo senza arrivare a cambiamenti eclatanti e concreti ma rendendo l’attuale sistema più ‘morbido’ attraverso la definizione di sistemi di pensioni per smettere anzitempo, e in tal caso di potrebbe tornare a riconsiderare l’idea della novità per le pensioni di quota 100, considerata, come ben spiegato più volte, la migliore soluzione pensionistica per tutti, ma sempre riviata perché considerata troppo costosa.

Attese vita e novità per le pensioni di quota 100

Dopo le ultime notizie rese note, ormai a più riprese, sui grandi vantaggi che la novità per le pensioni di quota 100 sarebbe in grado di garantire tra possibilità di rilancio di nuovi impieghi per i ragazzi, attraverso l’uscita anzitempo degli impiegati più anziani, e possibilità di vantaggi in termini economici, grazie ai risparmi che si potrebbero accumulare nel lungo periodo derivanti dagli oneri imposti dallo stesso sistema a carico dell’impiegato che dovesse decidere di lasciare anzitempo la propria occupazione, tra richiesta di revisione delle attese vita e novità per le pensioni di quota 100, la preferenza sembrerebbe essere indirizzata proprio verso la quota 100, nonostante le attese vita riuscirebbero a rivedere effettivamente l’attuale sistema.

Il problema è che la loro revisione non verrebbe effettuata così come richiesto, cioè completamente riviste con uno stop dell’adeguamento dell’età pensionabile alle attese vita per evitare che il requisito anagrafico di pensione continui a salire, ma, stando a quanto riportano le ultime notizie, si tratterebbe di modifiche in un certo senso temporanee, sia di blocco che di rinvio, che potrebbero però poi nuovamente saltare, facendo tornare tutto com’è al momento. La quota 100, invece, sarebbe una novità per le pensioni universale per tutti che, seppur considerata costosa, non richiederebbe in realtà molti soldi, secondo le stime una cifra compresa tra i 7 e i 10 miliardi di euro, ma che avrebbe il vantaggio di permettere ad ogni lavoratore di scegliere in piena libertà quando andare lasciare la propria occupazione, rilanciando nuove opportunità di impiego per ragazzi e, allo stesso tempo, produttività ed efficienza.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il