BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 100, quota 41 gli scenari macro diventano più negativi

Gli scenari negativi per l’Italia dalle ultime notizie di Bankitalia, Comunità, Bce, Ocse e conseguenze per le novità per le pensioni

Pensioni ultime notizie mini pensioni, q

pensioni novità ulteriori scenari negativi soluzioni



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 20:01): Preccupanti scenari anche di medio-lungo termine per il nostro Paese a causa dell'immobilisimo e delle mancate iniziative al cui interno differenti esperti collocano anche l'urgenza delle novità per l pensioni per la spirale positiva che possono creare arrivamo nelle ultime notizie e ultimissime dalle istituzioni comunitarie, Ocse, Bamikitalia e Bce.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:01): Numerosi organismi e autorità internazionali e nazionali convergono su scenari negativi anche nel lungo termine per quanto il nostro Paese con alcui studi e rapporti resi noti nelle ultime notizie e ultimissime. La preoccupazione maggiore è lo stasi sia attuale, ma anche precedente, dopo un certo periodo dove si era perlomeno sperato in iniziative rilevanti che, invece, non hanno raggiunto gli obiettivi sperati e nè in alcuni altri casi sono proprio iniziate. E questo è quello che è accaduto perfettamente anche alle novità per le pensioni su cui tutti ormi convergono dell'urgenza e delle necessità di fare qualcosa per favorire il quadro macroeconomico.

Continua il periodo negativo dell'Italia: le ultime notizie su andamento di economia, debito pubblico, occupazione, fiducia dei cittadini continuano a non essere rosee imponendo la necessaria riflessione su ciò che bisognerà fare per cambiare effettivamente le cose. Si tratta di una situazione negativa che, secondo esponenti dell'ambasciata americana, potrebbe protrasri ancora fino al 2025: solo da quel momento in poi, secondo le ipotesi, infatti, l'Italia potrebbe tornare a livelli pre-crsisi. Ma non è detto, perchè la strada da percorrere per la risalita è ancora molto lunga e toruosa. Servono provvedimenti importanti e concreti che siano in grado di rilanciare una crescita per il nostro Paese, serve nuovo slancio per quelle singole iniziative che permetterebbero necessarie per una ripresa, che dovrà passare anche attraverso le novità per le pensioni che, da quanto emerge dalle ultime notizie, sarebbero decisamente propedeutiche ad una nuova spinta di occupazione, produttività ed economia in generale. Solo attraverso l’attuazione di novità per le pensioni importanti e ulteriori misure si potrebbe andare oltre quegli scenari sempre più negativi tratteggiati, anche in questi ultimi giorni, da importanti protagonisti dell’economia interna e comunitaria, e che, in maniera comune, sottolineano l'incapacità del nostro Paese di dare nuova spinta a produttività e consumi interni. Gli scenari negativi sull’Italia sono stati sottolineati da:

  1. Bankitalia;
  2. Comunità;
  3. Bce;
  4. Ocse.

Le ultime notizie dalla Banca di Italia e impatto su novità per le pensioni

Preoccupata di come stanno andando le cose in Italia e di quello che potrebbe ancora accadere con il dilagare dell’euroscetticismo Bankitalia: il governatore ha chiaramente affermato la necessità di una maggiore integrazione e unione economica e monetaria a livello comunitario per evitare incertezze e instabilità. E’ necessario, secondo il governatore di Bankitalia, che vengano bloccati i rischi di politiche nazionalistiche. Ma non solo: altro scenario negativo indicato da Bankitalia riguarda l’andamento economico della stessa Italia dove il debito è risultato in aumento e gli investimenti stanno diventando molto rischiosi. In riferimento alle ultime notizie sul debito pubblico del nostro Paese, è stato spiegato che è ancora in salita il debito della Pubblica amministrazione che a gennaio è arrivato a 2.250,4 miliardi, in aumento di 32,7 miliardi.

Si tratta di un aumento collegato all’incremento delle disponibilità liquide del Tesoro (34,3 miliardi, a 77,4; 63,5 miliardi alla fine di gennaio del 2016), solo in parte compensato dalle entrate (1,3 miliardi) e dall’effetto complessivo degli scarti e dei premi all’emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e della variazione del cambio dell’euro (0,4 miliardi). Le entrate, nello stesso periodo, sono state pari a 35,4 miliardi, in aumento del 3,3% rispetto allo stesso mese del 2016, ma comunque contenute. La riduzione del debito pubblico è tuttavia necessario per riuscire ad attuale gli importanti provvedimenti al vaglio, novità per le pensioni comprese.

Le ultime notizie dalla Comunità e impatto su novità per le pensioni

Scenari negativi arrivano anche dalla Comunità:la sua commissione porta avanti, infatti, un’analisi impietosa della situazione economica italiana e del budget disponibile a fronte di interventi per la crescita decisamente molto più costoso dei soldi disponibili. E le ultime notizie dalla Comunità sottolinea che è proprio la debolezza strutturale dell'economia italiana e la mancanza di interventi profondi a non favorire la crescita. Tra questi interventi profondi vi rientrerebbero anche le novità per le pensioni che, esattamente come chiesto dalla Comunità, porterebbero ad un rilancio dell’occupazione, e di conseguenze di produttività e consumi, innescando un ciclo economico decisamente positivo. Ma si tratta di novità per le pensioni che rischiano di continuare ad essere bloccate ancora a lungo se non si riuscirà prima a rispondere in maniera concreta alle richieste dalla stessa Comunità, cioè misure correttive per 3,4 miliardi di euro entro la fine di aprile e giustificazione di ulteriori 3,4 miliardi concessi per dare spinta a investimenti che, però, non sono stati aumentati. Le mancate risposte alla Comunità, infatti, potrebbero far aprire una nuova procedura di infrazione nei confronti del nostro Paese e in quel caso diventerebbe impossibile lavorare su ulteriori novità per le pensioni.

Le recenti posizioni della Bce e conseguenze su novità per le pensioni

Una spinta alla realizzazione di novità per le pensioni sembrerebbe essere arrivata, invece, dalla Bce che, come riportano le ultime e ultimissime notizie, ha lasciato invariati i tassi, al minimo, continuando, dunque, a sostenere la politica monetaria di aiuti. Ma l’operazione di Qe, in base a quanto già stabilito, inizierà progressivamente a diminuire dal prossimo mese. Tuttavia, la decisione del presidente della Bce di non aumentare i tassi sono stati un chiaro segnale di sostegno all’attuazione di cambiamenti in questo momento che continuerebbe ad essere ancora favorevole, anche per le novità per le pensioni in itinere di mini pensione e quota 41, considerando il coinvolgimento degli istituti di credito in queste stese novità.

Le ultime posizioni dell’Ocse e impatto su novità per le pensioni

Anche le ultime notizie dall’Ocse non prospettano scenari positivi: è stato ribadito l’aumento del debito pubblico italiano che contribuisce notevolmente a bloccare i provvedimenti importanti, ma anche costosi, necessari per la ripresa, con il continuo invito al nostro Paese ad andare avanti con interventi profondi senza perdere tempo. Il primo passo da compiere, però, dovrebbe essere quello di una concreta revisione della spesa pubblica, che permetterebbe di recuperare quei soldi necessari all’attuazione degli stessi importanti provvedimenti, a partire dalle novità per le pensioni che sarebbero in grado, attraverso la spinta all’occupazione giovanile, di rilanciare quella produttività che lo stesso Ocse chiede di aumentare. Per raggiungere una crescita importante e continua, dunque, per le ultime notizie dall'Ocse, è necessario andare avanti con le riforme, aumentando le opportunità lavorative e anche in questo caso darebbero le novità per le pensioni la soluzione ideale.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il