BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Pensioni ultime notizie quota 100, mini pensioni, quota 41 si evolve sistema elezioni subito in peggio per rilancio pensioni

Confronti e discussioni su sistema di voto per elezioni subito ed evoluzioni: ultime notizie e possibili conseguenze per novità per le pensioni

Pensioni ultime notizie quota 100, mini

pensioni novità sistema elezioni subito peggiora



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 15:01): La strada imboccata è quella della complicazione e c'è da ritenre che si rifletteràsulle novità per le pensioni. Rispetto allo schema iniziale per sistema per elezioni subito si sono aggiunti nelle ultime notizie e ultimissime ulteriori elementi che potrebbero peggiorare il quadro complessivo.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:01): Chi credeva che con il nuovo sistema per elezioni subito le novità per le pensioni fossero più semplici probabilmente deve in parte ricredersi proprio anche per la complicazione di questo sistema. Perché i mutamenti che al metodo di base, su cui è stata raggiunta una intesa nelle ultime notizie e ultimissime, non possono che complicare il quadro complessivo aggiungendo incertezza e confusione.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:01): In pieno nostro stile, purtroppo, continua a diventare sempre più complicato il sistema per elezioni subito che renderà le novità per le pensioni più incerte da raggiungere. Perché se da una parte a spuntarla nelle ultime notizie e ultimissime sono le forze maggiori, dall'altra si apportano variazioni al tema che rendono il sistema futuro non coincidente con quello teutonico.

Il sistema teutonico proporzionale con soglia di sbarramento al 5% che sembra mettere d'accordo i quattro grandi schieramenti di attuale maggioranza, schieramento del Cavaliere, pentastellati e Carroccio, in realtà non piace agli schieramenti più piccoli che con la soglia al 5% rischiano di scomparire e potrebbe comportare ancora il rischio di una maggioranza non sicura e conseguente ingovernabilità che certo non sarebbe positiva né per lo sblocco auspicato di importanti questioni cruciali per il rilancio dell’economia interna del nostro Paese né per un rilancio di quelle importanti novità per le pensioni da tempo richieste e che concorrerebbero in primo luogo a dare nuova spinta alla crescita economica del Paese.

Sistema elezioni subito ed evoluzione in peggio

Le ultime notizie di questi ultimissimi giorni parlano di ulteriori cambiamenti al sistema, con i collegi uninominali che dovrebbero scendere da 303 a 225 e una crescita delle circoscrizioni dove presentare i listini, con un passo indietro sui capilista bloccati. Il Gruppo Affari costituzionali a Montecitorio ha approvato modifiche al sistema per elezioni subito che abroga le pluricandidature: un candidato si potrà presentare solo in un collegio e in una lista proporzionale, mentre prima era prevista la possibilità di presentarsi nel collegio e in tre diverse liste circoscrizionali. In favore hanno votato attuale maggioranza, pentastellati, Carroccio, schieramenti del Cavaliere ma anche nuovo Movimento progressista democratico. Ma non solo: i quattro più grandi schieramenti hanno modificato anche norme che nell’originario sistema teutonico tutelano i piccoli schieramenti e i candidati indipendenti nei collegi.

Le ultime notizie confermano, infatti, la bocciatura della proposta che avrebbe voluto dare rappresentanza anche allo schieramento sotto la soglia del 5% a condizione di aver vinto almeno tre collegi. Una sorta di contentino per gli schieramenti più piccoli che porta però il sistema per elezioni subito nel nostro Paese ad allontanarsi sempre più dall’originale sistema teutonico tendendo, come sempre ormai, a rendere tutto più difficile piuttosto che andare avanti con un sistema già fatto e che funziona. E questo non fa altro che portare il sistema per elezioni subito ad evolvere in peggio riportando il rischio di ingovernabilità che non gioverebbe affatto al concreto rilancio di novità per le pensioni.

Elezioni subito, sistema in discussione e ripercussioni su novità per le pensioni

Tra 24 ore il sistema per elezioni subito sarà in Aula e solo allora si capiranno le vere intenzioni sul da farsi, considerando che dalle ultime notizie emerge anche la presenza di ulteriori modifiche proposte da vagliare. E si deciderà a breve, dunque, quando andare ad elezioni, se subito in autunno o aspettare la naturale scadenza dell’attuale legislatura. Se è vero che per rilanciare concrete e profonde novità per le pensioni, come quota 100, o quota 41 per tutti, le elezioni subito rappresentano l’occasione ideale, allora sarebbe meglio anticiparle già all’autunno e tra le novità per le pensioni proposte sembra che la migliore novità per le pensioni per tutti sia ancora la novità per le pensioni di quota 100 perché:

  1. permette di dare nuova spinta all’occupazione dei ragazzi, riavviando il ricambio generazionale tra prepensionamenti degli impiegati più anziani e contestuale assunzione di ragazzi. I più anziani avrebbero, infatti, la possibilità di scegliere quando andare in pensione purchè la somma di età anagrafica ed età contributiva dia 100, e cioè, per esempio, a 60 anni di età e 40 anni di contributi, o a 61 anni di età e 39 anni di contributi, o ancora a 62 anni di età e 38 anni di contributi e così via;
  2. prevede penalità inferiori ad altre novità per le pensioni per lasciare anzitempo la propria occupazione;
  3. darebbe nuova spinta ad efficienza e consumi.

Questi tre vantaggi derivanti dalla novità per le pensioni di quota 100 permetterebbero di riavviare quel ciclo economico positivo generale che avvierebbe il nostro Paese verso una potenziale nuova crescita interna, con conseguente opportunità di riduzione del deficit statale.
D’altro canto, però, se la situazione dovesse evolvere in peggio, come sopra detto, si andrebbe nuovamente incontro al rischio di ingovernabilità, sia da soli, sia con alleanze, cosa che potrebbe riportare alle urne nel giro di 3-6 mesi, rischiando un nuovo periodo di instabilità politica, durante il quale ogni provvedimento strutturale continuerebbe ad essere bloccato, novità per le pensioni comprese.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il