BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Pensioni ultime notizie quota 100, quota 41, mini pensioni i fondamentali momenti (novità, pensioni)

I prossimi momenti in programma che potrebbero rivelarsi importanti per rilancio di novità per le pensioni: quali sono e cosa prevedono

Pensioni ultime notizie quota 100, quota

pensioni novità tre momenti principali rilancio pensioni



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 12:05): Questi sono i momenti fondamentali, poi ve ne sono altri, ad esempio, alcuni conclusivi per determinate novità per le pensioni che sembravano già fatte e, poi, in realtà nelle ultime notizie e ultimissime sono sparite o quasi

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:30): In ciascuno di questi momenti ci potrebbe essere un rilancio delle novità per le pensioni differente, in alcuni casi più profondo e radicale in altri nelle ultime notizie e ultimissime più leggero.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 20:30): Vi sono tre momenti che potrebbero interessare le novità per le pensioni e permetterne l'attuazione di alcuni elementi nelle ultime notizie e ultimissime che sembrano, con tutte le difficoltà del caso, essere più vicini.

Si va verso tre momenti principali che potrebbero rivelarsi davvero importanti per un concreto rilancio delle novità per le pensioni. Dopo tante proposte, discussioni e riunioni, del resto, finora non si è riusciti ad arrivare a nessuna modifica pensionistica concreta, se non all’approvazione di novità per le pensioni come la staffetta prima e mini pensioni con e senza oneri e quota 41 ad essa collegata che sono alquanto limitate, non sono universali per tutti e che più che essere considerate vere e proprie novità per le pensioni sono inquadrate come forme di aiuto, soprattutto per quanto riguarda le ultime novità per le pensioni approvate di mini pensione senza oneri e quota 41, considerando che si rivolgono a categorie di persone decisamente svantaggiate come chi è rimasto senza attività, invalidi e malati gravi, coloro che sono impiegati in attività faticose. Serve, però, un vero e proprio cambio di rotta: non più novità per le pensioni che rappresentano, come si suol dire, soluzioni tampone, ma una novità per le pensioni universale che sia in grado di rivedere l’attuale sistema attraverso modifiche dei requisiti di pensione oggi richiesti e considerati decisamente troppo rigidi.

I tre momenti principali per rilancio di novità per le pensioni

I tre momenti principali che potrebbero effettivamente condurre vero un reale rilancio di importanti novità per le pensioni, stando a quanto riportano le ultime notizie, sarebbero:

  1. prossime elezioni, sia subito sia a fine legislatura;
  2. prossimo impegno sulla definizione delle decisioni economiche strategiche;
  3. contrattazione riavviata tra associazione degli imprenditori e rappresentanti dei dipendenti.

Prossime elezioni e impatto su novità per le pensioni

Sia che le prossime elezioni si tengano subito, sia che si tengano alla naturale scadenza dell’attuale legislatura, vale a dire nella primavera del 2018 come già stabilito, si tratterà comunque di un appuntamento che potrà rivelarsi decisamente importante per il rilancio di novità per le pensioni, considerando che, come abbiamo già spiegato, le novità per le pensioni rappresentano un tema che sta particolarmente a cuore ai cittadini, motivo per il quale ogni schieramento tornerà a rilanciarci alla ricerca di consensi, fiducia ed elettori. E si tratta di novità per le pensioni che, dunque, saranno rilanciate tanto da centrodestra, che punta soprattutto su aumento delle pensioni inferiori e novità per le pensioni di quota 100, quanto dalla maggioranza, tra:

  1. novità per le pensioni per i ragazzi, che potrebbe trasformarsi anche in assegno universale;
  2. novità per le pensioni con sistema inedito di uscita a 62 anni;
  3. novità per le pensioni in base alla tipologia di attività che si svolge dopo il blocco delle attese vita;
  4. definizione delle decisioni economiche strategiche e rilancio di novità per le pensioni

Altro importante appuntamento atteso e che potrebbe essere occasione di rilancio di ulteriori novità per le pensioni è quello relativo alla definizione delle prossime decisioni economiche strategiche che, proprio per una questione di consenso probabilmente, secondo le ultime notizie, proporranno solo il necessario ma nulla più, rimandando tutte le decisioni importanti e forse decidendo di stanziare qualche soldo in più per le novità per le pensioni di mini pensioni e quota 41.

Contrattazione tra associazioni imprenditori e rappresentanti dei dipendenti e novità per le pensioni

Sono ripartiti nei giorni scorsi i confronti tra imprenditori e rappresentanti dei dipendenti ed industriali, da cui sono emerse diverse divergenze di posizioni sulle misure da attuare in futuro, con l’unica convergenza che sembrerebbe esserci stata sui servizi di assistenza in cui potrebbero rientrare le novità per le pensioni già sperimentate nelle varie realtà locali. L’intesa, dunque, secondo le ultime notizie, sarebbe su ulteriori sostegni e novità per le pensioni per dare spinta all’interscambio e favorire un rilancio della ricerca di attività. Ampie discussioni, secondo le ultime notizie, sarebbero state dedicate, appunto, al  capitolo relativo ai servizi assistenziali, tra aiuti e sostegni differenti proposti dagli imprenditori e particolarmente appoggiati dai rappresentanti dei dipendenti.

E ad affiancare l’assistenza, come ormai sappiamo, le novità per le pensioni che, come sottolineato da entrambe le parti, potrebbero rappresentare il giusto volano per una reale ripresa economica del nostro Paese. Del resto, a prescindere dalle ultime notizie che hanno visto gli imprenditori sostenere più il piano di taglio delle imposte sul costo per i neo assunti piuttosto che novità per le pensioni, gli stessi imprenditori sono da sempre favorevoli all’attuazione di importanti novità per le pensioni, come la quota 100, proprio perché collegate alla questione impieghi. 


E questa posizione sarebbe stata concretamente confermata da alcune realtà locali che, come confermano le ultime notizie, in maniera del tutto autonoma e indipendente, senza attendere le decisioni dell’esecutivo di novità per le pensioni, le hanno già avviate singolarmente nelle loro imprese. Citiamo, per esempio, il caso Ducato che ha avviato novità per le pensioni interne, che prevedono che chi maturerà i requisiti di pensione attualmente richiesti entro i prossimi 30 mesi potrà chiedere di lasciare anzitempo la propria occupazione, mantenendo dall'azienda un assegno pari all'80% dello stipendio ricevuto in servizio fino al raggiungimento della pensione finale e permettendo all’azienda stessa di avviare, contestualmente, ulteriori assunzioni.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il