BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Pensioni ultime notizie: dopo aumento PIL, Morando commenta attese di vita, pensioni, giovani

Differenti priorità prospettate in base alle evoluzioni dello scenario interno del nostro Paese e diversi impatti su novità per le pensioni

Pensioni ultime notizie: dopo aumento PI

pensioni ultime notizie differenti priorità emerse



Le ultime notizie sulle pensioni non forniscono buone nuove: Morando, viceministro dell'Economia, commentando i dati positivi del PIL indica come altre le priorità del Governo a partire dagli incentivi per le assunzioni dei giovani, nonostante questi spesso non siano sufficienti, come già visto, a rimettere in moto l'economia da sola e a diminuire la disoccupazione giovanile. (aggiornamento 7:30)

 Le ormai imminenti elezioni politiche che si terranno nel 2018 porteranno probabilmente nuove ultime notizie per le pensioni, in quanto sarà sicuramente un argomento di campagna elettorale. Vediamo cosa cambierà in caso di vittoria dell'opposizione o di riconferma dell'attuale esecutivo (aggiornamento 10:45)

Se le ultime notizie sulle intenzioni di cosa fare in futuro e quali provvedimenti portare avanti sono ancora piuttosto vaghe e confuse, potremmo dire che in base all’evoluzione degli scenari politici interni del nostro Paese potrebbero essere rilanciate differenti priorità.

Molto dipenderà, stando alle ultime notizie, dal fatto se resterà in carica o meno l’attuale esecutivo fino alla fine dell’attuale legislatura o se si dovesse andare ad elezioni subito, con la prospettiva, però, che le prossime elezioni sarebbero comunque un’occasione ideale di rilancio non solo di concrete novità per le pensioni ma anche di tutti quei provvedimenti importanti e necessari per dare nuova spinta alla crescita del nostro Paese. Del resto, si tratta di un obiettivo dovuto, considerando anche gli impegni presi con la Comunità.

Esecutivo attuale resta in carica ed impatto su novità per le pensioni

Secondo le ultime notizie, se l'esecutivo attuale dovesse rimanere in carica, difficilmente potrebbero prospettarsi grandi e profonde novità per le pensioni. E’ molto più probabile, infatti, che vi siano leggere novità pensate soprattutto per avere consensi, come:

  1. congelamento del sistema delle attese vita;
  2. miglioramenti mini pensioni;
  3. eventuali ulteriori novità per il mondo femminile.

Per il resto, l’auspicio è che l’attuale premier si distacchi del tutto dalla strategia del precedente esecutivo puntando a misure che possano dare un’effettiva e concreta svolta. Questo significherebbe riprendere quelle iniziative che lo stesso premier in carico, solo qualche tempo fa, aveva annunciato, per poi fare un repentino passo indietro. Eppure si tratterebbe di provvedimenti importanti come:

  1. estensione della fatturazione elettronica per tutti, che porterebbe risparmi per 41 miliardi di euro;
  2. misure di lotta alla corruzione ed evasione fiscale, da cui ricaverebbero miliardi di euro;
  3. revisione della spesa pubblica e degli sprechi;
  4. revisioni di alcune tipologie di pensioni stesse, come baby pensioni, pensioni di guerra, pensioni di invalidità.

Sono provvedimenti che permetterebbero di recuperare quelle risorse economiche per ulteriori approvazioni di misure cruciali per rilanciare lo sviluppo, novità per le pensioni comprese, come quota 100 e quota 41 per tutti senza oneri che avrebbero il reale vantaggio di dare nuovo impulso alla crescita grazie al ricambio generazionale che sarebbero in grado di riavviare, attraverso prepensionamenti degli impiegati più anziani e contestuali assunzioni di ragazzi, che a loro volta darebbero nuova spinta alla produttività. E con pensioni certe ai pensionati e salari sicuri ai nuovi assunti, tutti avrebbero a disposizione denaro sufficiente per rilanciare i consumi, avviando così quel ciclo economico virtuoso che ridarebbe lustro al nostro Paese. 

Prossime elezioni e prospettive: ultime notizie pensioni

Ma la vera occasione di concreto e reale rilancio, come abbiamo spesso spiegato, arriverebbe con le prossime elezioni, sia che si terranno subito, sia che si terranno alla naturale scadenza dell’attuale legislatura, il prossimo anno. In occasione delle prossime elezioni, certamente le vere carte che i diversi schieramenti si giocheranno saranno proprio quelle sulle novità per le pensioni, questione che sta particolarmente a cuore ai cittadini e che permetterebbe ad ogni schieramento di recuperare consensi e voti. Le importanti novità per le pensioni per tutti in quel caso, tra quota 100, quota 41 per tutti, aumento delle pensioni minime, assegno universale sarebbero centrali anche se, secondo le ultime notizie, bisognerà comunque fare i conti con la questione delle imposte da tagliare per i neo assunti, misura che da alcune forze potrebbe anche essere privilegiata.

Sono diversi, infatti, coloro che ad oggi sostengono l’importanza e la priorità del nuovo taglio delle imposte sull’impiego, pur se significherebbe rischiare di non ottenere risultati positivi esattamente come già accaduto, a fronte dei vantaggi che invece le novità per le pensioni implicherebbero sia in termini di attività sia in termini economici di risparmi, e investire maggiori soldi, considerando che, secondo le stime:

  1. per il taglio delle imposte sulle attività servirebbero 15 miliardi di euro;
  2. per la novità per le pensioni di quota 100 servirebbero tra i 7 e i 10 miliardi di euro;
  3. per la novità per le pensioni di quota 41 per tutti senza alcun onere servirebbero circa 5 miliardi di euro.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il