BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Pensioni ultime notizie quota 100, quota 41, mini pensioni i richiesti miglioramenti sono fattibili ancora

C'è ancora molto da lavorare sulle novità per le pensioni come emerge dalle ultime notizie e dalle richieste di miglioramento.

Pensioni ultime notizie quota 100, quota

Pensioni miglioramenti richiesti ancora fattibili



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:30): In primo luogo i miglioramenti richiesti per le novità per le pensioni ancora ribaditi varie volte nelle ultime notizie e ultimissime sia dal Comitato Ristretto che dalle forze sociali potrebbero avvenire del Decreto Omnibus che sarà rivisto nelle Aule che lo hanno già messo tra gli impegni in Agenda ufficiali. Sarebbe il momento e il luogo più naturale che anche in precedenza ha migliorato diversi aspetti delle manovre.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:30): Ci sono le possibilità ma soprattutto si capiscono i tempi e i luoghi, quando e come le novità per le pensioni richieste potrebbero giungere, almeno nei miglioramenti che ormai quasi tutti richiedono per le stesse novità per le pensioni in iter. Certo, come detto, si capisce quando e come si potrebbero fare, ma non è ancora chiaro nelle ultime notizie e ultimissime cosa realmente si intede fare.

Come possono cambiare e migliorare le novità per le pensioni approvate dalla maggioranza? Quali sono le concrete possibilità di intervento? E soprattutto, quali sono le richieste che arrivano dalla ultime notizie pensioni? Su un punto sono tutti d'accordo: l'attuale sistema previdenziale può essere migliorato e i i nuovi metodi introdotti non sono sufficienti per sanare gli errori e le incongruenze così come per scrivere la parola fine ai tanti privilegi e alle posizione agevolate di troppe categorie di pensionati o aspiranti tali. In ogni caso il dibattito rimane ancora aperto e, al netto degli spazi di cassa, continuano a essere formulate richieste di intervento sia nel breve periodo e sia in più in là quando comunque sarà necessario mettere mano sulle novità per le pensioni.

Novità per le pensioni: primo appuntamento con il decreto omnibus

Nel decreto stilato dalla maggioranza non c'è stato spazio per le novità per le pensioni. O meglio, sono state inserite alcune conferme tecniche che naturalmente non hanno alcun impatto sull'intera impalcatura della previdenza. Adesso spetta al parlamento dare il via libera ovvero scoprire se dispone di margini di intervento. Stando alle ultime notizie pensioni, la situazione è congelata e il dibattito su eventuali interventi migliorativi sulle pensioni sta proseguendo al di là di questo canale. Le risposte arriveranno comunque in tempi in brevi anche se la moderazione che sta caratterizzando questo ultimo scorcio di legislatura non autorizza a sperare in un'azione decisa.

Ultime notizie pensioni: tra richiese approvate...

A dimostrazione di come i progetti sulle novità per le pensioni siano comunque modificabili e molto richieste finiscono comunque per ottenere il via libera ci sono l'accoglimento delle proposte del cumulo gratis dei contributi versati da tutti i lavoratori in più casse previdenziali, comprese quelle della gestione separata; dell'allungamento dei tempi del contributivo femminile al 31 luglio 2016 per le nate dell'ultimo trimestre del 1958 così da allargare la platea dei beneficiari. E poi l'opportunità di congedo per i lavoratori dipendenti del settore privato con 36 anni di contributi o 61 anni di età e 35 di contributi entro il 31 dicembre 2012 di andare in pensione a 64 anni così come quella per le lavoratrici dipendenti del settore privato di ritirarsi al compimento di 60 anni di età con 20 anni di contributi raggiunti entro il 31 dicembre 2012.

...e quelle fattibili

Sono comunque ancora tante le richieste di intervento sulle novità per le pensioni, anche se non è affatto detto che tutte invocazioni riescano a trovare accoglimento. In ogni caso, la maggior parte di queste riguardano le mini pensioni con particolare riferimento alla posizione di chi ha iniziato a lavorare in giovane età ovvero agli aggiustamenti di quota 41, e a chi esercita attività considerate faticose. Senza considerare che rimane sempre viva la proposta di abbassare la percentuale di invalidità (attualmente al 74%) per consentire ai lavoratori e ai parenti di primo grado che assistono un familiare disabile, di accedere allo strumento delle mini pensioni senza oneri per smettere qualche anno prima rispetto a quanto previsto dalla tabella di marcia fissata dall'attuale sistema.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il