BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 41, quota 100 alleanze per elezioni da M5S, Lega, Forza Italia, Pd

Attesa la sentenza di domani dell’Alta Corte, ultime notizie su alleanze politiche e conseguenze per novità per le pensioni

Pensioni ultime notizie mini pensioni, q

Pensioni novità sentenze Alta Corte alleanze politiche



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:52): Sul banco degli imputati è adesso finita l'intera legge elettorale approvata dalla maggioranza e la decisione dell'Alta Corte sulla sua bocciatura, in parte o totale, avrà effetti immediati sulle prospettive di nuove elezioni e le conseguenze che ne derivano, come quelle sulle novità per le pensioni. Si va, secondo le ultime e ultimissime notizie, verso una formula il più possibile condivisa senza creare vuoti normativi.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:01): Quello attuale è uno snodo fondamentale per il sistema Italia e per le prospettive sulle novità per le pensioni. L'Alta Corte è infatti chiamata a esprimersi sulla legge elettorale e la scelta fisserà il timing della chiamata alle urne. I giudici, secondo le ultime e ultimissime notizie, potrebbero bocciare pezzi di legge o anche indicare possibili correzioni.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:45): La vera svolta per le novità per le pensioni la si avrà molto probabilmente con le elezioni e già dalla sentenza di domani tanto atteso si capirà un po' di più, anche se non del tutto, se le elezioni ci potranno essere subito o a breve, oppure sia rriverà, probabilmente, a fine mandato di questo esecutivo. Ma questo è solo una prospettiva per le novità per le pensioni a cui vanno a coniugarsi alleanze e accordi di Pd, Forza Italia, Lega e M5S.

La svolta potenziale per un cambiamento italiano, sia da un è punto di vista politico che di impegno su particolari questioni come le novità per le pensioni, potrebbe arrivare con la sentenza di domani martedì 24 gennaio, da parte dell’Alta Corte sul sistema di voto. Si tratta, come confermano le ultime notizie, di un pronunciamento particolarmente atteso anche per la decisione di fissare eventuali nuove elezioni, tempi e date e contestuali riorganizzazioni politiche. Molto, infatti, di come andranno effettivamente le elezioni potrebbe dipendere dalle possibili alleanze che si stringeranno tra i diversi schieramenti politici. Ma quali potrebbero essere e quali altri movimenti politici si stanno registrando in vista di nuove elezioni? E quali potrebbero essere le conseguenze di cambiamenti politici per le novità per le pensioni?

Quale potrebbe essere la decisione dell'Alta Corte e le conseguenze 

Prima di tutto occorre capire quali potrebbero essere le decisioni domani dell'Alta Corte. Se venisse confermato o indicato un sistema di voto già ottimizzato questo potrebbe essere il sistema che i vari schieramenti potrebbero decidere per andare ad elezioni subito tra Aprile e Giugno. (più Giugno priobabilmente) sospendendo per un anno la consultazione popolare. 
Un sistema che non da tutti potrebbe essere accettato, ma dal Pd e probabilmente Lega sì,potrebbe essere quello dei capilista bloccati in tutti i collegi previsti. Altro sistema che potrebbe essere accettato da tutti in pratica, tranne Forza Italia, forse, potrebbe essere il proporzionale, lasciandolo così come è. Se si dovesse, invece, di richiedere la cancellazione del ballottaggio si andrebbe praticamente a scadenza, non riuescendo in tempi brevi a realizzare una alternativa almeno stando alle ultime notizie e ultimissime
Non è da dimneticare, poi, che un ostacolo alle nuove elezioni, fondamentali come detto per le novità per le pensioni, potrebbe arrivare anche dalle difficoltà interne con la richiesta nel centro-destra, ma anche del centro-sinistra di primarie e dal Pd di un Congresso.

Movimenti politici in vista di nuove elezioni e possibili nuove alleanze

Da centrosinistra, Pd, Lega, M5S, Forza Italia, tutti si stanno muovendo per organizzar sial meglio in vista di nuove elezioni. Mentre il Pd punta a riorganizzarsi con un segretario dello schieramento politico che ha avviato un processo di rinnovamento e cambiamento della segreteria che dovrebbe, stando alle ultime notizie, comprendere nomi importanti per la definizione di un programma di lavoro che dovrebbe ripartire da giovani, rilancio dell’occupazione, novità per le pensioni, intellettuali, sindaci e associazioni, tra cui figurerebbero quelli dell’ex consigliere economico di Palazzo Chigi, l’ex sindaco di Torino e l’attuale ministro delle Politiche agricole, tutti sostenitori di importanti novità per le pensioni, che vadano ben oltre le attuali mini pensioni e quota 41, con l’ultimo pronto a firmare un decreto d’urgenza, come riportano le ultime e ultimissime notizie, per l’attuazione di un nuovo sostegno sociale che sembrerebbero anticipare l’assegno universale destinato alle famiglie meno abbienti, anche ‘l’altra sinistra’ si riorganizza.

Le ultime notizie si concentrano sulle intenzioni dell'ex sindaco di Milano Pisapia di costituire una forza avversaria e alternativa a quella all'ex premier alle prossime primarie. Un progetto politico che, stando a quanto riportano le ultime notizie, potrebbe essere sostenuto dall’attuale presidente della Camera, e che dovrebbe rispondere alle esigenze di uno schieramento politico in parte deluso dall’operato dell’ex premier ma anche a quelle dei cittadini, partendo proprio dai loro reali bisogni, con particolare attenzione alle novità per le pensioni particolarmente attese ma che dovrebbero essere importanti e positive per tutti, non come, dunque, le attuali mini pensioni e quota 41, molto ristrette e ancora con troppi paletti.

Ma in vista delle prossime elezioni, mentre Forza Italia vorrebbe rimandarle e potrebbe pensare ad una nuova grande coalizione con il Pd, cosa che in teoria potrebbe essere positiva per le novità per le pensioni considerando la condivisione di intenti, ma che in pratica potrebbe non sortire questi effetti visto che le grandi coalizioni non hanno fatto poi tanto per le pensioni, la Lega, come riportano le ultime notizie, ha chiaramente detto di essere pronta ad andare alle primarie del centrodestra e si potrebbe prospettare, a sorpresa, un’alleanza inedita con il M5S. Si tratterebbe sì di una inedita alleanza, da una parte, ma che avrebbe un importante impatto sulle novità per le pensioni, dall’altra. Lega e M5S, infatti, sono sempre concordi nel voler completamente rivedere le attuali norme pensionistiche, entrambi orientati sulla necessità di una quota 41 per tutti, sull’importanza della novità per le pensioni di quota 41, così come sul taglio delle ricche pensioni degli alti esponenti istituzionali.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il