BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Concorso Scuola 2017, mobilità, Tfa Terzo Ciclo 2017, rinnovo stipendi e contratti: prospettive e novità scuola nuovo anno

Ci sono tante novità attese sin dai primissimi mesi di quest'anno nel comparto scuola. Qualcosa è però già sicuro.

Concorso Scuola 2017, mobilità, Tfa Terz

Concorso Scuola 2017, Tfa terzo ciclo



AGGIORNAMENTO: I docenti sono in attesa di conoscere il destino del rinnovo contrattuale, e del conseguente aumento 85 euro lordi in più al mese in busta paga atteso ormai da 7 anni. Stessa attesa per le decisioni del nuovo ministro dell'Istruzione in merito all'attuazione agli impegni assunti dalla maggioranza nell'accordo relativo allo sblocco dei contratti del pubblico impiego. 

AGGIORNAMENTO: Grazie a un accordo lampo tra ministero e sindacati sono previste novità importanti per quel che riguarda la mobilità. Tra le tante sarà anche lo svincolo, per tutti idocenti, dall'obbligo di permanenza triennale nel proprio ambito o nella propria scuola. Una misura straordinaria che non distoglie dall'obiettivo prioritario della continuità didattica. 

Sono tante le questioni costantemente aperte nel comparto scuola e di conseguenza questo 2017 si prospetta come un anno di novità. Sul versante concorsi, ad esempio, va verso la chiusura quello per i circa 63mila insegnanti ed è in dirittura d'arrivo il bando del concorso per dirigenti scolastici. Naturalmente sono attese novità anche sul Tfa terzo ciclo, rispetto a cui si rimane ancorati al decreto che autorizza 5.108 posti ma si rivolge ai soli candidati in possesso del titolo di abilitazione per il grado di scuola per cui conseguire la specializzazione per il sostegno. Spetta adesso alle singole università definire le modalità di iscrizione ai corsi per i quali è prevista una prova d'accesso e la valutazione di eventuali titoli culturali e professionali.

I docenti sono poi in attesa di sapere quando scatterà il rinnovo dei contratti, congelato da 7 anni, che assegnerà in media 85 euro lordi aggiuntivi in busta paga. Si resta invece in attesa che il nuovo ministro dell'Istruzione dia attuazione agli impegni assunti dalla maggioranza nell'accordo relativo allo sblocco dei contratti del pubblico impiego anche al fine di revisionare gli aspetti di carattere legislativo a favore della contrattazione. Accordo invece raggiunto tra quasi tutti i sindacati della scuola e il Ministro dell'Istruzione sulla mobilità degli insegnanti nell'anno scolastico 2017-2018. Una intesa realizzata velocemente, considerato il pochissimo tempo da cui il nuovo ministro si è insediata.

E probabilmente a facilitare il raggiungimento dell'accordo è stato anche il fatto che la nuova titolare dell'Istruzione sia una ex sindacalista. L'intesa riguarda dunque la spinosa questione del trasferimento dei docenti, uno dei capitoli più controversi della legge 107. E si tratta di un accordo politico, come sottolinea il ministero dell'istruzione: la firma del contratto integrativo di mobilità del personale docente avverrà nel mese di gennaio. A siglare sono stati Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola e Snals Confsal. Non ha firmato la Gilda, che non si è ritenuta soddisfatta dall'accordo. Riserve sono state espresse anche dall'Anief. Ma quali sono le novità?

Il prossimo anno la mobilità avverrà con le vecchie regole, contemplando cioè una fase di movimenti all'interno della provincia e una fase interprovinciale. Sarà previsto per tutti i docenti lo svincolo dall'obbligo di permanenza triennale nel proprio ambito o nella propria scuola. Si tratta di una misura straordinaria: resta fermo infatti l'obiettivo prioritario, indicato dalla legge 107, della continuità didattica. La mobilità avrà un'unica fase per ciascun grado scolastico. Il personale docente potrà esprimere fino a 15 preferenze: potranno essere indicate, oltre agli ambiti, anche scuole, per un massimo di 5. Questo varrà sia per gli spostamenti all’interno che fuori dalla provincia. Quanto all'individuazione dei docenti per competenze, i criteri saranno identificati in un accordo separato, che sarà sottoscritto insieme al contratto sulla mobilità.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il