BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Carne andata male a rischio salute fermata in tempo da Fiamme Gialle

Continua e prosegue l'allarme alimentare per prodotti contaminati o scaduti come la carne in provincia di Piacenza o il barbera

Carne andata male a rischio salute ferma

Ministero della Salute ritira lotto di vino barbera Monferrato Ca’ Fornara per elevato rame



Una grande quantità di carne è stata blocata e sequestrata dalla Guardia di Finanza prima che entrasse nelle vendite. Proveniva da Piacenza ed erano classici prodotti natalizi.

Ancora un alimento ritirato sul mercato dopo i tanti dell'ultimo periodo. E se prima erano state tra gli altri le bottiglie d'acqua e al vino come leggete sotto, in modo particolare alle bottiglie di vino Monferrato Ca’ Fornara per il rame sopra le quantità consentite, ora tocca alla carne ritirata in gradi quantità in provincia di Piacenza.

Carne scaduta a Piacenza

A Piacenza, o comunque nella zona, del piacentino non ci sono ancora dettagli certi, la Guardia di finanza ha comunicato di aver ritirato carne scaduto non tracciabile e proabilmente, dunque, scaduto da più di anni.
E il quntitativo è ingente ovvero 140 tonnellate. L'obiettivo dei truffatori era quello di rimettere sul commercio la carne con nuove etichette falsificate.
Le carni erano nascoste dietro a carni perfettamente integre e sane, ma comunque conservate anch'ese in un ambiente non idoe come certificato dalla Usl di Piacenza stess a che collaborato con i Finanzieri.
A questo punto tuta la cerne verrà distrutta e si sta procedendo ad ulteriori verifiche

Vino, cosa è successo e rischi per la salute

Da un controllo a campione effettuato dal Ministero della Salute è risultato che il lotto L18817B di bottiglie di Barbera del Monferrato Ca’ Fornara realizzate a Novara, precisamente a Boca, nella sede di produzione di via San Rocco 3 dell'Azienda Laronchi Vini Srl abbia una dose eccessiva di rame. In modo apticolare dalle analisi effettuati dai laboratori dell'Arpa della regione su un limite massimo di rame di 1 mg/l è stato trovato 1,53 mg/l

Il rame può essere presente nei vini per legge e può fare anche bene, ma nelle giuste dosi. Se preso troppo può creare diarrea, vomito, nausea fino ad arrivare alla febbre.

Chiunque abbia una bottiglie del lotto segnalato si deve subito recare al supermercato o negozio dove lo ha acquistato. Da indiscrezioni dovrebbero provenire tutte o quasi dalla catena Unes.

Tanti alimenti infetti

Questo barbera, non è che l'ultimo dei tanti cibi e alimenti infetti che sono stati trovati in ITalia a partire da Agosto con le uova contaminate dall'isnetticida Fipronil e che sono continuate con bottiglie di acqua, vari alimenti come salame o pollo di tacchino con salmonella, taleggio contaminato solo per dirne alcune, senza dimenticare alcune bottiglie di acqua. Fino iora sono casi isolati di determinte marche e non hanno mai creato problemi di salute gravi, ma è, comunque, una situazione preoccupante
 

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Gianluca Fiore pubblicato il