BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Dieta patata viola: tutti i benefici di questo alimento

Mangiare patate viola per evitare rischi di cancro al colon: come cucinarle e proprietà benefiche di questo alimento

Dieta patata viola: tutti i benefici di

Dieta patata viola tutti benefici assicurati



Sono poco usate dalla maggior parte degli italiani ma molto ricche di proprietà benefiche: molteplici sono, infatti, i benefici che le patate viola garantiscono. Della patata viola, in realtà, esistono diverse tipologie come le patate vitelotte dette anche patate nere, le patate violette (che in realtà hanno la polpa gialla), le patate turchesi e le patate blu. E’ proprio il colore violaceo delle patate viola a renderle particolarmente benefiche. Questi tuberi, infatti, sono particolarmente ricchi di antociani, sostanze dal potere antiossidante che ci proteggono dal rischio di cancro, ictus e malattie cardiache. Ma non solo.

I benefici della patata viola

Diverse ricerche, infatti, dimostrano come le patate viola siano importanti per il nostro organismo perchè:

  1. sono antiossidanti;
  2. sono ricche di sali minerali e vitamine;
  3. riducono il rischio di malattie cardiache;
  4. svolgono un'azione preventiva nei confronti dei tumori;
  5. hanno poco caloriche, basti pensare che 3 di queste piccole patate apportano circa 130 calorie e possono esser pertanto inserite in una dieta equilibrata e varia per perdere peso.

Il consumo di patate viola non prevede poi controindicazioni. L’unico consiglio che potremmo dare è di moderarne eventualmente il consumo nel caso in cui si fosse persone a cui è stato consigliato di consumare cibi con indice glicemico basso.

Dieta della patata viola: cosa prevede

Proprio in virtù dei benefici in grado di garantire e delle poche calorie che contengono, le patate viola sono state inserite in un particolare regime alimentare. Stando ai risultati emersi da un recente studio condotto dalla Penn State University, animali nutriti con una dieta ad elevato contenuto calorico e supplementata con patate viola, presentavano un livello di interleuchina-6 (IL-6), proteina dell’infiammazione che se elevata nell’organismo interagisce con altre proteine responsabili della diffusione e della crescita delle cellule neoplastiche, a livello della mucosa del colon, inferiore rispetto al gruppo di controllo.


La ricerca scientifica è stata condotta su animali sottoposti a tre tipi di diete: una dieta standard con il 5% di grassi; una dieta ad elevato contenuto calorico (con il 17% di grassi aggiunti e il 3-4% di grassi contenuti negli alimenti); e una dieta ad elevato contenuto di grassi ma supplementata con le patate viola. Ed è risultato che i valori dell’interleuchina-6 sono stati sei volte inferiori negli animali nutriti con le patate viola rispetto agli altri. Ciò significa che chi consuma maggiormente elementi vegetali nel proprio regime alimentare ad avere tassi minori rischi di ammalarsi di cancro del colon rispetto a quelle che consumano più elementi animali.

Mangiare patate viola potrebbe essere considerata una sana abitudine per allontanare, dunque, il rischio di insorgere di tumori. Del resto, le patate viola possono essere cucinate in diversi modi, esattamente come le patate bianche o gialle. E’, infatti, possibile preparale semplicemente al forno o per fare i tanto amati gnocchi o torte salate.
Possono essere poi bollite o cotte a vapore o usate anche per realizzare torte dolci come quella di patate violette, mandorle, olio di semi e sciroppo d’acero, o, ancora, essere cucinate per preparare un ottimo purè che potrebbe essere accompagnato

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il