BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Dieta: mediterranea e chetogenica è una combinazione tra più valide

Mix tra dieta chetogenica e dieta mediterranea per dimagrire e preservare l’organismo da importanti patologie: le ultime novità

Dieta: mediterranea e chetogenica è una

Dieta migliore combinazione chetogenica mediterranea



Unire insieme e prendere il meglio della tradizionale dieta mediterranea insieme a quella chetogenica più innovativa è uno delle possibilità e dei sistemi tra i più recenti proposti

Una delle diete più valide per dimagrire e mantenersi in buona salute? Una dieta che sia a metà strada tra dieta chetogenica e dieta mediterranea. Ma cosa prevede la dieta mix tra dieta chetogenica e dieta mediterranea?

Diete chetogenica e mediterranea: mix per dimagrire e star bene

Partendo dagli assunti base di questi due regimi alimentari, il mix tra dieta chetogenica e dieta mediterranea dovrebbe prevedere, per funzionare, un ridotto di consumi di carboidrati, che in realtà la dieta chetogenica bandisce del tutto ma il cui consumo è invece previsto nella dieta mediterranea, e carenza di glucosio, che determina un aumento dei corpi chetonici, incidendo sul sistema nervoso centrale e provocando un senso di sazietà. La dieta mix tra dieta chetogenica e dieta mediterranea, secondo gli studiosi dell'Università di Firenze e dell’Università di Roma Tor Vergata, si baserebbe sulla cosiddetta ‘medicina delle quattro P’, predittiva, preventiva, personalizzata e partecipata, studiata appositamente sulla singola persona, le sue abitudini, le sue esigenze, il suo stile di vita. Secondo gli studiosi, dieta mediterranea e dieta chetogenica, per la loro importanza nella lotta alle patologie degenerative, all’obesità e al sovrappeso rappresenterebbero il giusto mix da seguire per un valido regime alimentare.

Dieta chetogenica: cosa prevede

La dieta chetogenica prevede un regime alimentare privo di carboidrati, con una quantità adeguata di proteine, con il grasso che viene convertito nel fegato in acidi grassi e corpi chetonici, riducendo i livelli di glucosio e migliorando la resistenza all'insulina. L’alto apporto di proteine e grassi danno il via al cosiddetto meccanismo della chetosi, alterazione del glucosio nel metabolismo che porta a una prolungata ipoglicemia e alla formazione di sostanze acide nel sangue definite corpi chetonici. La produzione dei corpi chetonici avviene quando si assume una quantità molto bassa o nulla di zuccheri, che porta l’organismo e il cervello a usare i corpi chetonici come fonte di energia.

Questa dieta chetogenica è una dieta iperproteica, quasi senza zuccheri e con un elevata quantità di grassi, che sarebbe in grado di preservare l'apparato cardio-vascolare e far dimagrire. Se, dunque, accuratamente seguiti e dopo aver consultato il proprio medico, si avesse il via libera per seguire questo regime alimentare, la dieta chetogenica avrebbe il grande beneficio di far dimagrire chi la segue pur prevedendo consumo di grassi.

La dieta chetonica si basa essenzialmente sul consumo di alimenti come:

  1. alimenti ricchi di grassi;
  2. frutta a guscio;
  3. panna;
  4. burro,
  5. Vietato, invece, il consumo di pane, pasta, zucchero e cereali.

Dieta mediterranea: cosa prevede

La maggior parte degli studi e delle ricerche hanno attestato, però, che il migliore regime alimentare da seguire è la dieta mediterranea. Riconosciuta dall'Unesco Patrimonio immateriale, ricca di proteine, vitamine, sali minerali, carboidrati, fibre e grassi, la dieta mediterranea fa decisamente bene alla salute, preservando il fisico da problemi come l’obesità o l’eccesso di colesterolo, pur prevedendo il consumo di carboidrati. Del resto, la dieta mediterranea, con la sua piramide alimentare di cibi che prevedono alimenti di origine alimentare, tra pesce, carni bianche e carni rosse; alimenti di origine vegetale, tra frutta, verdure, ortaggi e legumi di ogni genere; e latte e formaggi e derivati, come sottolineato da diversi studi, aiuta a:

  1. mantenere la memoria più a lungo;
  2. prevenire l’Alzheimer;
  3. prevenire il rischio di ictus e infarti, grazie al previsto consumo di noci, olio extravergine di oliva, frutta secca, frutta fresca, verdura, pesce, pollo, legumi, pomodori che proteggono e aiutano a tenere puliti i vasi sanguigni.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il