BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Dieta veloce: cinque sistemi tra i più innovativi o tradizionali

Perdere peso velocemente tra diete tradizionali e diete innovative: consigli, idee e nuovi sistemi per dimagrire e mantenere il nuovo peso acquisito

Dieta veloce: cinque sistemi tra i più i

Diete veloci sistemi innovativi tradizionali



Tra sistemi innovativi e sistemi tradizionali sono diverse le diete veloci che promettono e permettere chili in maniera rapida ma ciò che ci si chiede è se queste diete tanto promettenti riescano poi anche a garantire che il peso perso non venga riacquisito. Ma quali sono le diete veloci che permettono di dimagrire in poco tempo?

Diete veloci tra sistemi innovativi e tradizionali

Tra le diete veloci per perdere peso, tra quelle più tradizionali, possiamo citare:

  1. la dieta del minestrone;
  2. la dieta del limone;
  3. la dieta detox.

Tra i sistemi innovativi per perdere peso velocemente potremmo consigliare:

  1. la dieta Stork;
  2. la dieta Rina.

Dieta del minestrone: come funziona e obiettivi

La dieta del minestrone, ormai la tradizionale dieta che ogni autunno torna di attualità, potrebbe essere annoverata tra le diete veloci tradizionali che permettono di perdere peso in maniera piuttosto rapida, promettendo di dimagrire circa 5 chili in una settimana. Il consiglio per un corretto funzionamento di questa dieta è quello di preparare un minestrone che sia a base di: sedano, cipolle, pomodori, verza, porri, spinaci, peperoni, cicoria, broccoli, invidia, radicchio, carciofi, rape bianche e olio extra vergine di oliva come unico condimento da scegliere. Nella settimana di dieta prevista si può mangiare minestrone tutti i giorni e per due o tre volte a settimana insieme a carne bianca, o pesce, o uova, e una volta alla settimana insieme a carboidrati.

La scelta migliore sarebbe il riso. Considerando che si tratta di una dieta basata solo su verdure, il peso dovrebbe subito scendere perché non è previsto consumo di carboidrati e zuccheri, quindi calorica, mentre le verdure puliscono il nostro organismo, contribuendo anche ad abbassare colesterolo e trigliceridi e ridurre il gonfiore. Al termine di questa dieta sarà importante non tornare ad esagerare e abbuffarsi per evitare di recuperare i chili persi.

Dieta del limone: come funziona e obiettivi

Anche la dieta del limone permette di perdere peso velocemente, circa 3 chili in una settimana, e, allo stesso tempo, di depurare intestino e organismo e il consiglio, anche in questo caso, è quello di seguirla per non più di una settimana, perché, secondo alcuni esperti, insieme ai pro che garantisce, tra perdita di peso e benessere del corpo, prevede anche dei contro e rischi, considerando che le calorie giornaliere sarebbero troppo ridotte visto che il consumo di carboidrati, proteine e lipidi è davvero minimo. Il limone è da sempre considerato un ottimo rimedio naturale per curare diversi problemi e malesseri ma è anche:

  1. efficace disinfettante e antinfiammatorio;
  2. alimento in grado di fare pulizia interna dell’organismo;
  3. capace di stimolare il metabolismo, favorendo il drenaggio di tossine, ottimo dunque per disintossicarsi e dunque perdere peso;
  4. ottima fonte di energia, capace di reintegrare preziosi sali minerali e vitamine e l’acido citrico in esso contenuto ha la capacità di neutralizzare l’acido lattico, ripristinando l’equilibrio acido-base all’interno dell’organismo e svolgendo un’azione defaticante.

La dieta del limone prevede il consumo di una bevanda depurativa, la mattina a digiuno e la sera prima di andare a dormire, fatta con 300 ml di acqua, due cucchiai di succo di limone, un pizzico di peperoncino, che ha capacità di riattivare il metabolismo e regolarizzare l’intestino pigro, mangiando legumi, frutta e pesce o carne bianca, e bandendo zucchero, bevande gassate e zuccherate e cibo spazzatura.

Dieta detox: come funziona e obiettivi

Anche la dieta detox permette di peso in poco tempo ma soprattutto di pulire il proprio organismo, basandosi sul consumo di alimenti disintossicanti, ricchi di nutrienti utili come vitamine, minerali, altri antiossidanti e fitoelementi che più che dimagrire esageratamente permettono di depurare l’organismo e sgonfiare. Anche la dieta detox si segue per una settimana e prevede, innanzitutto, l'eliminazione di alcune bevande come caffè, bibite gassate e zuccherate, e alcolici, e di cibi considerati grassi, come insaccati, dolci, fritture, burro, e un grande consumo di acqua, almeno due litri al giorno ma anche:

  1. mangiare tanta frutta e verdura, meglio se di stagione;
  2. consumare ortaggi, come lattuga, soncino, rucola, scarola e cicoria, che hanno un alto potere depurante;
  3. limitare il consumo di carne rossa e formaggi, soprattutto stagionati;
  4. mangiare verdura, fagioli, noci, cereali integrali, proteine magre e probiotici;
  5. evitare cibi conservati, fritti o pieni di zucchero.

Dieta Stork: come funziona e obiettivi

La nuova dieta Stork, recentemente lanciata dottor Travis Stork, promette di ridurre il gonfiore addominale e avere una pancia piatta, assicurando il giusto funzionamento dei batteri intestinali. Questa dieta innovativa dovrebbe garantire un microbiota sano, insieme dei microrganismi che convivono nell’intestino, per bloccare l’aumento delle scorte di grasso, soprattutto a livello addominale. La dieta Stork può essere seguita da tutti coloro che vogliono sostenere la crescita fisiologica di un microbiota sano per avere un maggior numero di batteri intestinali utili per perdere peso in eccesso e non ha un tempo di durata prestabilito. Si può infatti seguire fino a quando non si saranno raggiunti gli obiettivi che si desiderino. I consigli e le regole di questa dieta prevedono:

  1. bere almeno due litri di acqua al giorno;
  2. mangiare almeno tre porzioni di verdure a foglia;
  3. consumare due o tre portate di cereali integrali e sei o sette di proteine.

Dieta Rina: come funziona e obiettivi

Si può seguire per più di una settimana ma comunque per un periodo limitato, a tre mesi, la nuova dieta Rina che promette di far perdere circa 2 kg a settimana per un totale di 25 kg nell’arco dei tre mesi. Questa dieta si basa sulla regole del poter mangiare quanto si vuole, senza considerare le calorie, a patto di consumare gli alimenti previsti da questa dieta che vengono divisi in categorie, bere almeno due litri di acqua al giorno, e praticare costante attività fisica.
Durante i tre mesi di dieta, questo regime alimentare prevede uno schema della durata di tre, quattro giorni, da ripetere fino al raggiungimento del 90esimo giorno, e prevede:

  1. durante il primo giorno consumo di sole proteine, e si possono mangiare carne, pesce e uova;
  2. durante il secondo giorno consumo di soli carboidrati complessi,  cioè gli amidi, come consumati riso, quinoa, avena, farro e legumi;
  3. durante il terzo giorno consumo di soli carboidrati semplici, come pizza, pasta, pane e anche un pezzetto di cioccolato fondente;
  4. durante il quarto consumo di sole vitamine, mangiando a volontà qualsiasi tipo di frutta.

Per una sola volta al mese è previsto un giorno di digiuno totale, in cui bisogna assumere solo acqua e vitamine.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Luigi Mannini pubblicato il