BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Perdita dei capelli e calvizie più gravi: come bloccare con rimedio naturale con mele annurche

Nuove e interessanti applicazioni per la salute delle mele annurche scoperte dal dipartimento di Farmacia dell'Università degli Studi di Napoli Federico II.

Perdita dei capelli e calvizie più gravi

Diradamento dei capelli: arrivano gli integratori nutraceutici



La soluzione alla calvizie ovvero alla perdita di capelli arriva dalla natura. Esattamente dalla varietà delle mele annurche, molto diffuse e apprezzate in Campania. Ad aver scoperto l'importante legame sono stati i ricercatori del dipartimento di Farmacia dell'Università degli Studi di Napoli Federico II. La chiave dell'efficacia è rappresentata dalle procianidine, così come spiegato dettagliatamente in una serie di report, tra cui quello di prossima pubblicazione sulla rivista internazionale Journal of Medicinal food. Come dire, le mele mettono in mostra un'ennesima proprietà che si aggiunge a tutti i benefici già dimostrati che derivano da un consumo regolare.

Diradamento dei capelli: arrivano gli integratori nutraceutici

Dalla teoria alla pratica, ecco che per contrastare la perdita dei capelli arriva l'integratore nutraceutico, a scaffale nelle farmacie della Campania e del Lazio e tra pochi mesi nel resto del territorio nazionale. Si chiama Apple meets hair e sfrutta appunto l'efficacia dei polifenoli contenuti nella mela annurca nel contrastare l'alopecia. Il prodotto è a base di estratti vegetali come mela in grado di modulare l'assorbimento dei nutrienti, zinco, selenio e Biotina per contribuire al mantenimento di capelli normali. Il rimedio si rivela ovviamente efficace sia per gli uomini e sia per le donne, anche se quest'ultime sono statisticamente meno coinvolte dal problema della calvizie per ragioni androgenetiche o metaboliche.

A questo risultato, gli studiosi dell'ateneo partenopeo sono giunti dopo una serie di test che seguono quelli sul controllo del colesterolo plasmatico. Come argomentato dal direttore del dipartimento di Farmacia dell'Università Federico II, i capelli subiscono meno danni dagli ossidanti dell'ambiente se protetti dalle procianidine della mela, esattamente dalla procianidina B2. E le mele annurche campane Igp ne sarebbero generosamente ricche rispetto ad altre varietà.

Apple meets hair: alla scoperta del bugiardino

Dalla lettura del bugiardino dell'integratore Apple meets hair viene fuori come gli ingredienti che lo compogono sono:

  1. mela frutto estratto secco
  2. fitocomplesso procianidinico microincapsulato in maltodestrina
  3. capsula in gelatina alimentare
  4. zinco acetato
  5. antiagglomeranti: magnesio stearato e biossido di silicio
  6. biotina
  7. selenio metionina

L'astuccio è composta da 30 capsule da 600 mg e per quanto riguarda le modalità d'uso, il suggerimento che viene dato è di assumere 1-2 capsule al giorno lontano dai pasti con la raccomandazione di non superare la dose giornaliera consigliata. Gli integratori, è ulteriormente specificato, non vanno intesi come sostituti di una dieta variata, equilibrata e di un sano stile di vita, e vanno tenuto lontani dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni di età. Il prezzo di listino di una confezione è di 20 euro.

In precedenza, studi in vitro su linee cellulari di epatocarcinoma umano, condotti dal dipartimento di Farmacia, Università degli studi di Napoli Federico Il, avrebbero dimostrato che estratti procianidinici di mela annurca campana Igp sono in grado di favorire una riduzione dell'assorbimento di colesterolo totale con una contemporanea riduzione dei livelli di LDL (Lipoproteine a bassa densità) e un innalzamento dei livelli di HDL (il cosiddetto colesterolo buono) in modo superiore ad altre varietà di mele. Altri studi in doppio-cieco verso placebo, randomizzato, a gruppi paralleli, monocentrico, sull'effetto dell'estratto polifenolico della mela annurca campana Igp sull'assetto lipidico di 20 pazienti avrebbero evidenziato una riduzione del colesterolo totale del 28,8% e un incremento di espressione delle HDL pari al 60%.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il