BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Jessica Ricci: porta avanti gravidanza, partorisce e sconfigge tumore. Storia bellissima

L段ncredibile storia di Jessica malata di tumore all置tero, diventata mamma e guarita dalla terribile malattia. Esempio di forza e coraggio

Jessica Ricci: porta avanti gravidanza,

Jessica Ricci gravidanza parto cura tumore storia



E' una storia bellissima, di quelle come poche ancora se ne sentono ma di grande esempio per tutti: una storia di amore di mamma, di forza, di perseveranza che alla fine hanno vinto sul male. Protagonista di questa storia è Jessica Ricci, la 29enne di Molinella diventata 'famosa' sul web per aver voluto raccontare su Facebook la sua storia di lotta contro il cancro al collo dell’utero durante la gravidanza.

La storia di Jessica: malata di cancro, partorisce e guarisce

La storia di Jessica ha appassionato tutti, rappresentando un esempio di forza e speranza per tanti e soprattutto tante mamme che, se malate, spesso si trovano davanti al bivio della cura della malattia o del mettere al mondo il proprio figlio. Jessica rappresenta l'esempio di come la forza di volontà contro la malattia per amore del figlio che si porta in grembo possa diventare la chiave della vittoria. Jessica ha dato alla luce il suo Tommaso lo scorso 3 agosto, promettendo di rispondere a tutti coloro che nel corso della malattia le hanno manifestato affetto e solidarietà, soprattutto alle donne e a quei donatori di sangue che si sono presentati per aiutarla dopo le sue lunghe ‘chiacchierate’ sulle trasfusioni cui ha dovuto sottoporsi nel corso di malattia e cura. Jessica è stata malata, ha dato alla luce suo figlio ed è guarita dal terribile male.

Il racconto di Jessica

Ricoverata all’ospedale Sant’Orsola di Bologna, Jessica Ricci raccontava sul proprio profilo Facebook che entrando al padiglione 4 del Sant’Orsola ci si trova davanti ad un bivio: il corridoio di sinistra che porta alla maternità e che il corridoio di destra che conduce ai tanti ambulatori, tra cui quelli oncologici. Jessica dice che le piaceva chiamarli ‘il corridoio delle cose belle’ e ‘il corridoio delle cose brutte’ e lei li ha percorsi entrambi. Jessica ha vissuto il momento più bello nella vita di una donna, la gravidanza, e allo stesso tempo ha affrontato il momento più brutto nella vita di ogni persona, la chemio, ammettendo di aver lottato tutte le mattine con un corpo che stava cedendo, ammettendo di sentirsi esausta dopo ogni chemio ma spiegando che era forte e pronta per portare una battaglia che voleva vincere, mentre sentiva crescere suo figlio dentro di lei, quel figlio che ha dato un senso a tutto quello che stava sopportando.

Lei era ferma e convinta: doveva farcela per sé stessa e soprattutto per suo figlio. Il 3 agosto quell’amato figlio è nato, perfettamente sano, un mese dopo le è stato asportato il tumore, e gli esami di settembre hanno finalmente dato esito negativo. Lei ha esultato: “L’ho sconfitto quel bastardo. E cosi siamo usciti da quella porta con un sorriso e un pianto liberatorio, un vortice di emozioni inspiegabili, ci siamo liberati di quasi un anno di dolore. Oggi ricomincio a vivere godendomi davvero la vita e mio figlio”.

Ti piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il