BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Latte in polvere: L'antitrust multe le principali aziende euopee per 10 milioni di euro

Pesante multa dell'antitrust contro le principali aziende europee produttrici di latte in polvere accusate di aver fato cartello



L'Antitrust ha dato sanzioni per 9.743.000 euro ad alcuni produttori di latte per l'infanzia che hanno fatto "cartello per mantenere elevati livelli di prezzo, superiori agli altri Paesi europei anche del doppio o del triplo".

Le aziende interessate al provvedimento dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato sono le società Heinz Italia, Plada, Nestlè Italiana, Nutricia, Milupa, Humana Italia, Milte Italia, le quali "hanno posto in essere un'intesa restrittiva della concorrenza, concordando il mantenimento di elevati livelli di prezzo del latte per l'infanzia.

Tale intesa - spiega l'Antitrust - che viola l'articolo 81 del trattato Ue, in considerazione della sua gravità e durata, è stata sanzionata per complessivi 9.743.000 euro". L'istruttoria dell'Antitrust, si legge in una nota, ha messo in evidenza come "nel periodo 2000/2004, le imprese abbiano posto in essere comportamenti paralleli nella determinazione dei prezzi dei latti per l infanzia - e specificamente del latte di partenza e del latte di proseguimento - fissando livelli assai elevati e di gran lunga superiori rispetto ai prezzi di prodotti equivalenti o comunque fungibili rilevati negli altri Paesi europei".

In particolare, precisa l'Antitrust, "il differenziale tra i prezzi italiani e i correlativi prezzi all'estero nel canale farmaceutico è stato, nella maggioranza dei casi, maggiore del 150 per cento, con punte di oltre il 300 per cento per i latti di partenza, nonché maggiore del 100 per cento, con punte di oltre il 200 per cento, per i latti di proseguimento".

Nel 2004, ricorda l'Antitrust, "a seguito di una richiesta del ministro della Salute di riduzione dei prezzi, le imprese hanno adottato un comportamento ancora una volta parallelo, sostanzialmente univoco e conservativo, per quanto possibile, della situazione preesistente, caratterizzata dall'esistenza di livelli di prezzo elevati.

La prova del carattere concordato della suddetta pratica è risultata dall'esistenza di contatti, diretti e indiretti, intercorsi tra le imprese per tutto il periodo considerato". Queste le multe previste per ogni azienda: Heinz Italia 279.000 euro; Plada 3.022.000 euro; Nestlè italiana 3.300.000 euro; Nutricia 629.000 euro; Milupa 938.000 euro; Humana Italia 1.377.000 euro; Milte Italia 198.000 euro.
(AGE) ANDREA NUNZIATA

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il