BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Provider e Major musicali: accordo vicino per canone in bolletta?

Le nuove proposte contro la pirateria online. Come fare



Per cercare di eliminare il fenomeno della pirateria e sostituirne i danni con un equo compenso da applicarsi sul costo della connessione, Rudy Zerbi, Presidente Sony Music Italia, ha proposto tramite il sito della Polizia una nuova unione tra produttori, provider e inquirenti.

Zerby stesso non nasconde che “l'industria discografica è in crisi ormai da qualche anno a causa della pirateria che si è spostata, da quella su un prodotto fisico come la contraffazione di Cd, a una pirateria digitale, che nella sua accezione più grave, è quella della condivisione di file illegali. Sono brani di proprietà delle case discografiche che vengono scaricati illegalmente dai siti di file sharing”.

E il nesso tra pirateria e crisi economica viene indicato come diretto rapporto di causa/conseguenza “Se, infatti, come discografico, fino a 5/10 anni fa i margini della produzione mi consentivano di finanziare tutta una attività di sperimentazione che offriva un'opportunità di lancio per giovani artisti sconosciuti, oggi tutto ciò non è più possibile. Quindi il danno non è solo industriale ma anche artistico, perchè si riducono gli spazi per tanti giovani talenti di farsi sentire e vedere”.

Consapevole della notevole importanza che ormai Internet ha raggiunto, Zerby propone di creare una sorta di collaborazione tra i provider da cui si scarica normalmente musica e le Major discografiche, proprio attraverso accordi direttamente con chi è in contatto con gli utenti, e cioè i provider. Zerbi, infatti, confessa “Ormai la svolta sta solo nella possibilità di stringere accordi, come avviene nelle trasmissioni delle tv satellitari, con i principali internet service provider e, per una cifra aggiuntiva mensile o annuale di pochi euro, permettere all'utente di avere a disposizione l'intero catalogo dei produttori musicali con un download ufficiale e garantito, anzichè cercare file rubati”.

Secondo il presidente Sony Music Italia, invece, occorre cercare una soluzione congiunta in cui proposte, soluzioni e repressione possano collaborare per tagliare le fonti della pirateria.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il