BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Maserati Quattroporte Sport GT S Awards Edition. Video, motori e caratteristiche tecniche

Sarà un’edizione speciale e celebrativa dei tanti anni di successi: è la raffinata Maserati Quattroporte Sport GT S 'Awards Edition



Sarà un’edizione speciale, esclusiva e celebrativa dei tanti anni di successi e carriera. E’ la raffinata Maserati Quattroporte Sport GT S Awards Edition, edizione speciale della luxury sport sedan, che sarà disponibile da giugno, debutterà al prossimo Salone di Ginevra 2010, e proporrà una serie di novità estetiche: la livrea color bianco perlato è una sua esclusiva, insieme ad alcuni elementi opacizzati del frontale e ad altri ricercati dettagli come le pinze dei freni lucidate a specchio.

Sviluppata sulla base della versione più sportiva GT S, la nuovissima e lussuosa berlina monterà un V8 di 4.7 litri da 440 CV, capace di garantire prestazioni da supercar (285 km/h la velocità massima, appena 5,1 secondi per passare da 0 a 100 km/h).

Le novità della Quattroporte Sport GT S Awards Edition spiccano sin dall'esterno: dalla nuova finitura Quarzo fuso, che sottolineal'eleganza delle linee della carrozzeria grazie alle sue nuances cangianti, alle griglie d'aria laterali, alla cornice della calandra che si abbina inoltre ai cerchi da 20'' Multi Trident grigio scuro con finitura satinata. P

er quanto riguarda gli interni, spicca la pelle Poltrona Frau dei sedili combinata all'Alcantara traforato con un nuovo motivo ad onda, con il cielo abitacolo sempre in Alcantara. Completano l'ambiente interno i copri brancardi specifici in alluminio spazzolato e le modanature in legno Black Piano satinato.

Infine, finiture di alluminio sulle porte, inserti di legni pregiati, rivestimenti di pelle persino nel portabagagli e battitacco di metallo lucido con la scritta Awards Edition completano i dettagli. Tecnologia dual cast per l’impianto frenante, ancora più esclusivo grazie alla lucidatura a mano delle pinze sia all'anteriore sia al posteriore.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il