BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Treni ad alta velocità e Frecciarossa con 4 fasce e classi. Offerte e prezzi

Nuove classi e connessione Wi-Fi sui Treni Frecciarossa e Frecciargento- I nuovi servizi



Niente più divisione in prima e seconda classe: la novità di Ferrovie dello Stato lancia le quattro ‘classi di servizio’. Ad annunciarlo l'amministratore delegato della società Mauro Moretti, che ha spiegato che la novità riguarderà in maniera graduale i treni 'Frecciarossa' e 'Frecciargento'.

L'occasione per annunciare la novità dei treni è stata la presentazione dell'accordo con Telecom Italia per l'accesso alla banda larga e wi-fi su tutti i treni ad alta velocità, firmato dallo stesso Moretti e dall'amministratore delegato di Telecom Italia, Franco Bernabè.

Telecom Italia investirà,infatti, venti milioni di euro per potenziare, entro l'anno, il segnale della rete di telefonia mobile lungo il percorso dei treni ad alta velocità e installerà a bordo delle carrozze un sistema di ripetitori che consentirà anche le connessioni wi-fi. Così a bordo dei treni Frecciarossa sarà presto possibile telefonare e navigare in internet senza più alcun problema.

Arrivano, dunque, l'accesso al web in banda larga, la connessione wifi, una migliore ricezione telefonica e nuovi servizi di intrattenimento e di informazione a bordo treno. Le nuove installazioni, inoltre, permetteranno anche nuovi servizi di informazione e di intrattenimento.

Mentre per quanto riguarda il passaggio alle nuove classi, a partire dalla fine dell'anno saranno superate le tradizionali prima e seconda classe portando tutto a quattro livelli di servizio, da quello per il trasporto ferroviario, senza particolari richieste, fino a un treno di lusso.

Con i nuovi quattro livelli di servizio, sui treni italiani che corrono sulla rete ad alta velocità arriveranno, per esempio, le carrozze del silenzio, dove come già accade in altri Paesi sarà vietato far squillare il telefonino e parlare ad alta voce.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il