BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Truccare il televoto? Si può fare per il business. Quanto costa e quanto ci si guadagna

Come funziona il sistema del televoto ed è davvero trasparente?



Prima le polemiche spesso sui talent show, poi anche il Grande Fratello nella bufera e, infine, Sanremo. Il nuovissimo e popolare sistema del televoto finisce sempre più nell’occhio del ciclone. Sarà poi davvero tanto affidabile questo sistema di votazione? Rispecchierà davvero gusti e volontà di un pubblico a casa? Sarà davvero neutro e imparziale, portando in scena solo quelle che sono le preferenze di chi effettivamente vota?

Se per rispondere a questi pochi semplici interrogativi dovessimo basarci per esempio proprio sull’ultima occasione in cui il televoto ha giudicato, e vale a dire la finalissima di Sanremo assegnata al principe Emanuele Filiberto, insieme a Pupo e Luca Canoni, allora potremmo dire che forse qualche dubbio sulla sua efficacia e trasparenza esiste. Perché altrimenti non si spiegherebbe quella sorta di ‘insurrezione’ popolare che si è scatenata dopo il verdetto, a testimonianza che la maggior parte degli italiani non voleva assolutamente quel trio sul palco dell’Ariston. Ma come si fa a truccare un televoto?

Il business del televoto vale la bellezza di 60 milioni di euro l’anno e funziona così. Sempre facendo riferimento all’ultimo Sanremo, per esempio, il numero dove televotare ero l’894.003 dal fisso. 48444 dal mobile. Ogni voto espresso per Sanremo è partito così: una telefonata (prezzo 0,75 euro, oltre un milione di chiamate solo nella serata finale) per selezionare il proprio cantante preferito identificato da un codice numerico.

La prima tappa del televoto è sul server dell'operatore interessato e la rete già a questo livello ha alcuni filtri automatici. Un tetto per il numero di telefonate dalla stessa utenza fissato dal regolamento, 5 per puntata al Festival, 100 ad Amici, una per programma per quelli gestiti da Mediaset, e un software che blocca una singola cella tlc quando dalla stessa area giungono troppi contatti. Il viaggio del voto avviene in automatico: una volta in rete, viene dirottato sul server del consulente specialistico, la società incaricata di elaborarlo.

Tutto dura pochissimi secondi e alla fine il notaio dà l'ok al programma di elaborazione e segue dal vivo anche la creazione della classifica. Quanto costa realmente il televoto? Sanremo, con i suoi 0,75 euro a chiamata ha tariffe nazional-popolari. Amici, Il Grande Fratello e X Factor costano un euro. Questa quota si paga, in teoria, solo se il voto è registrato e valido.

Il 50% degli incassi, 1,5 milioni nella settimana di Sanremo, 60 in media ogni anno, va agli operatori telefonici. La società di elaborazione ne trattiene il 18% con il resto spartito tra rete tv (7%), produttore dello show (13%) e titolare del format (10%).

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il