Google indagata da Antitrust Unione Europea per abuso posizione dominante

Nuova inchiesta Ue contro Google. Le denunce



La Commissione Europea ha aperto un'inchiesta per verificare i comportamenti di Google alla luce delle regole dell'antitrust. L'indagine nasce dalle denunce di Foundem, Ciao (gruppo Microsoft) e ejustice.fr, gruppi penalizzati sul motore. La prima ad esporsi è stata Foundem, sito per comparazione prezzi attivo nel Regno Unito; la seconda Ciao, gruppo passato sotto la diretta proprietà Microsoft nell'Agosto del 2008; e la terza è ejustice.fr, motore di ricerca per avvocati e altri professionisti del diritto.

I tre gruppi contestano a Google la stessa cosa: l'algoritmo del motore avrebbe penalizzato le tre attività, il tutto con un’azione che l'accusa sembra voler legare a specifici interessi della parte accusata. I casi sono diversi ma la causa è comune: la posizione del motore di ricerca viene considerata anticompetitiva.

Google respinge l'accusa e conferma di aver sempre agito in conformità con le regole e nel rispetto dell'utenza. Ma Microsoft prima e Vodafone poi avevano già chiesto un intervento delle autorità europee sulla posizione dominante del motore, ma nessuna denuncia aveva permesso all'UE di attivare i propri canali.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il