BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Multe treno: se non si pagano diventano cartelle esattoriali

Le multe non pagate diventano cartelle esattoriali. Le novità Trenitalia



Se non si pagano del multe prese sul treno, Trenitalia potrà procedere, riguardo al recupero del credito, alla riscossione coatta. Sono le stesse Ferrovie dello Stato che sottolineano come il nuovo decreto ministeriale in materia stabilisca che, dopo sessanta giorni, le multe non pagate si trasformino in tutto e per tutto in delle cartelle esattoriali.

Da parecchi mesi, tra l’altro, Trenitalia ha messo a punto periodiche campagne antievasione che stanno comportando una riduzione delle multe. Con particolare riferimento all’Umbria, Ferrovie dello Stato hanno reso noto che nella Regione alla fine del 2009 la percentuale di persone beccate senza biglietto o con il biglietto non regolarmente timbrato, si è attestata al 2%; questo significa che in Umbria, una delle Regioni più virtuose in Italia in tal senso, nell’arco di tre anni la percentuale di passeggeri ‘illegali’ si è dimezzata passando dal 4% al 2%.

Nel 2009 la campagna antievasione in Umbria ha interessato i viaggiatoti di circa 800 treni: 427 sono stati controllati in arrivo nelle principali stazioni della Regione, su 380 le squadre hanno operato a bordo.

In totale sono stati circa 55 mila i viaggiatori controllati, 40 mila a bordo e 15 mila a terra. Nel corso del 2009 e' cresciuto progressivamente il numero dei viaggiatori che hanno immediatamente pagato la multa comminata

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il