BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Milleproroghe: le novità dopo l'ok del Senato. Studi di settore e fisco tra le più interessanti

Il decreto milleproroghe è legge. Le novità previste



Il decreto milleproroghe è stato convertito definitivamente in legge da Palazzo Madama. Il provvedimento ha imbarcato alla Camera due ulteriori rinvii: gli atenei in linea con i conti non subiranno il taglio del turn over e, dopo un lungo tira e molla, vengono ripristinati per il 2010 i contributi diretti per le testate di partito, cooperative di giornalisti e giornali no profit.

Il via libera finale conferma tutte le principali proroghe inserite nel testo nel corso dell’iter parlamentare, durato circa 2 mesi: dalla riapertura fino al 30 aprile dei termini dello scudo fiscale, al doppio slittamento per gli studi di settore: al 31 marzo 2010 per l’anno d’imposta 2009 e al 31 marzo 2011 per l’anno d’imposta successivo.

Le concessioni con finalità turistico ricreative sono confermate fino a tutto il 2015 e viene prorogato al 31 dicembre 2010 il blocco automatico delle tariffe (salvo biglietti aerei, ferroviari e servizi postali agevolati. Per quanto riguarda Scudo fiscale e doppio binario per l'emersione dei capitali all'estero, l'aliquota effettiva per i rimpatri e le regolarizzazioni effettuate entro il 28 febbraio è stata confermataal 6%, mentre per quelli effettuati tra il primo marzo al 30 aprile 2010 sarà del 7%.

Per quanto riguarda la pubblicazione degli Studi di settore da utilizzare per gli anni di imposta 2009 e 2010, questa avverrà rispettivamente entro il 31 marzo 2010 e il 31 marzo 2011, così da dare più tempo all'Amministrazione per correggere il loro contenuto con i cosiddetti corretivi anti-crisi. Confermato anche il rinnovo 2010 dei contributi all'editoria, giornali di partito, giornalisti e no-profit, ma con tagli per le testate italiane edite e diffuse all'estero, i giornali delle associazioni di consumatori, radio e Tv locali.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il