BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Gruppo di acquisto tuangou alla cinese: per avere sconti anche del 50%.

Un nuovo fenomeno di acquisti in grado di esser soddisfacente per venditori e clienti. Come funziona



Il fenomeno si chiama ‘gruppo di acquisto’, è da sempre praticato in Cina, dove si chiama tuangou e sino ad ora poco diffuso in Occidente, dove non ha mai trovato applicazione pratica, ma oggi in diffusione, capace di coniugare i principi delle economie di scala alla vendita al dettaglio.

Si tratta di un gruppo di persone che acquistano prodotti dagli stessi rivenditori per ottenere uno sconto sostanziale tutti quanti. Un meccanismo economico in cui tutti guadagnano qualcosa: risparmia il consumatore, che ottiene uno sconto del prezzo, e guadagna il venditore.

La possibilità di diffusione di questo nuovo fenomeno è frutto dell’attuale crisi economica, che ha contribuito a cambiare costumi e stili di vita, insieme alla rivoluzione tecnologica di massa operata dalla rete, che ha permesso di sposare il moderno commercio elettronico con un fenomeno popolare cinese.

Riccardo Albini, eclettico giornalista e imprenditore milanese, già inventore del celebre Fantacalcio e pure responsabile del fenomeno Sudoku in Italia, è l’artefice dello sviluppo di questo fenomeno in Italia. “Navigando in rete, quando ho scoperto che negli Stati Uniti è stato sviluppato un sito di gruppi d’acquisto (che si chiama GroupOn) che in un solo anno ha registrato due milioni di iscritti, diventando un immediato fenomeno di costume, ho deciso che dovevo realizzare ad ogni costo qualcosa di simile anche in Italia e l’ho chiamato TuangO”.

A partire dai primi giorni di marzo, registrandosi all’indirizzo www.tuangon.it, si riceverà una singola proposta quotidiana relativa a un servizio commerciale offerto a un prezzo scontato nella propria città a fronte del raggiungimento di un determinato numero minimo di adesioni entro 24 ore. L’obiettivo di TuangOn è quello di contrattare direttamente con gli esercenti per avvicinarsi il più possibile a una riduzione del 50% rispetto ai prezzi abituali.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il