BusinessOnline - Il portale per i decision maker








730 2010: le novità principali

Le novità del modello 730 2010 relativo ai redditi 2009



Novità per il modello di dichiarazione 730 da presentare nell’anno 2010 per i redditi del 2009 che presenta ora  nel prospetto ‘Coniuge e familiari a carico’, nel quadro ‘C’ ‘Redditi di lavoro dipendente e assimilati’,  nel quadro ‘E’ ‘Oneri e Spese e nel quadro ‘G’ ‘Crediti d’imposta’.

Entrando nel dettaglio, le modifiche apportate riguardano: il Prospetto coniuge e familiari a carico, per cui è stata eliminata la colonna ‘8’, funzionale alla richiesta del “bonus straordinario”; il Quadro ‘C’  Redditi di lavoro dipendente e assimilati, dove nella sezione I il rigo ‘C5’ è stato  rinominato ‘Somme per incremento di produttivit’ poiché è stato eliminato il riferimento al “lavoro straordinario e/o supplementare’, è stata inserita la sezione V nella quale è stato previsto un campo dove indicare la riduzione d’imposta introdotta dall’art 4 el decreto legge n. 185/2008. 

Tale beneficio, determinato dal sostituto d’imposta, riguarda il personale del comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico. E ancora, novità per il Quadro ‘E’ Oneri e spese, riservata alle spese per le quali spetta la detrazione d’imposta del 20% e dove è stata introdotta la colonna 4 al fine di indicare le spese sostenute per l’acquisto di mobili, elettrodomestici, apparecchi televisivi e computer finalizzati all’arredo dell’immobile ristrutturato.

Prevista l’agevolazione della detrazione d’imposta del 20% da ripartire in cinque anni.Nella sezione V, riservata alle spese per le quali spetta la detrazione d’imposta del 55%, è stata  introdotta la nuova colonna 4 “Rideterminazione rate” per consentire agli eredi e agli acquirenti  di immobili oggetto di interventi di riqualificazione energetica, realizzati nel 2008, la rideterminazione del numero delle rate residue.

Infine, nel Quadro ‘G’ riguardante i Crediti d’imposta, è stata introdotta la sezione IV dedicata ai contribuenti colpiti dal sisma in Abruzzo con riferimento alle spese sostenute per la riparazione, la ricostruzione o l’acquisto dell’immobile danneggiato.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il