BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Telelavoro in Italia: dipendenti favorevoli ma le aziende non sembrano pronte

Favorevoli i dipendenti alla nuova forma del televoro. Benefici e dubbi



Cresce la familiarità degli utenti italiani per gli strumenti enterprise 2.0 e, soprattutto la fiducia nelle opportunità di lavoro in mobilità che le nuove tecnologie riservano oggi.

Si parla del televoro, nuova modalità di lavoro che i dipendenti stanno decisamente apprezzando ma nei confronti del quale alcune aziende nutrono ancora qualche riserva.

Il Telelavoro è una modalità di lavoro grazie a cui, impiegando infrastrutture telematiche ed informatiche, è possibile valicare i tradizionali confini fisici e logistici dell'ufficio. Il termine telelavoro indica un particolare tipo di rapporto di lavoro che si connota per il fatto che l'attività del prestatore viene normalmente svolta, con l'ausilio di strumenti informatici ed attrezzature telematiche, in luogo diverso dai locali aziendali, prevalentemente da casa.

Il 76% degli Italiani (75% a livello globale) è favorevole al lavoro in mobilità e sarebbe disposto volentieri a svolgere le proprie mansioni quotidiane al di fuori delle sedi canoniche, con la possibilità di rimanere sempre in contatto con il proprio ufficio mediante i moderni strumenti tecnologici.

Questa disposizione dei lavoratori deriva anche dalla necessità di trovare un giusto equilibrio tra lavoro e vita privata, che il 97% degli italiani ritiene fondamentale, con il 36% che dichiara di non essere ancora riuscito nell'intento ed il 49% che si ritiene soddisfatta del compromesso raggiunto, a far considerare dal 73% di loro (87% a livello globale) più attraente un'azienda che contempla il telelavoro.

Nonostante i benefici che questa forma di lavoro comporterebbe per datori di lavoro e telelavoratori quali risparmio di immobili e sedi di lavoro, spese di riscaldamento e manutenzione e per il lavoratore risparmio per le spese di trasporto, i dubbi nei confronti di questa forma di lavoro sussistono ancora.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il