BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Le poste italiane scelgono il Piaggio Liberty 125 per i postini

I postini viaggiano all'italiana: Poste Italiane ha scelto il Piaggio ''Liberty 125'' per il servizio di recapito postale. Saranno infatti ben 27.000 i ciclomotori che l'azienda di Pontedera fornirà a Poste Spa, dopo aver vint



I postini viaggiano all'italiana: Poste Italiane ha scelto il Piaggio ''Liberty 125'' per il servizio di recapito postale. Saranno infatti ben 27.000 i ciclomotori che l'azienda di Pontedera fornirà a Poste Spa, dopo aver vinto la gara da 40.800 milioni di euro.

Ovvia la soddisfazione della società guidata da Roberto Colaninno che, per voce dell'AD Rocco Sabelli, ha dichiarato: ''L'aggiudicazione conferma la competitività e completezza, anche in termini di servizio, dell'offerta Piaggio nei confronti della specifica clientela corporate''.

Il nuovo mezzo a due ruote di Poste Italiane sarà quindi il nuovo Liberty 125, un quattro tempi che unisce un design originale alla tecnologia della motorizzazione Euro 2, per il rispetto dell’ambiente. Di grande rilevanza è anche la maneggevolezza della ruota alta, alla quale si combinano la sicurezza del sistema antifurto ''Immobilizer'' e la funzionalità della pedana piatta.

La sella, di altezza contenuta, permette la massima fruibilità, ed il Liberty 125 di Poste ItalianePiaggio Liberty 125 potrebbe avvalersi del nuovo bauletto da 34 litri o delle borse laterali, accessori che consentono il trasporto di un ''buon carico'', con il massimo confort.

La parola ''potrebbe'' è comunque d'obbligo, in quanto accessori ed apposite attrezzature verranno progettate in accordo con Poste Spa. Sempre l'amministratore delegato del gruppo Piaggio ha commentato: ''Siamo soddisfatti di questo importante risultato, grazie a cui Poste Italiane effettuerà la consegna della corrispondenza con scooter Piaggio particolarmente adatti alla mobilità nelle aree urbane''.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
Fonte: Jugo
pubblicato il