BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Incentivi 2010 elettrodomestici, mobili, computer e nautica approvati entro fine marzo

Approvato il nuovo decreto di finanziamenti del governo. Cosa prevede



E’ stato approvato nella tarda serata di ieri il nuovo decreto del governo che prevede lo stanziamento di 300-350 milioni sul quale è stata raggiunta un'intesa nel governo e che sarà al Consiglio dei ministri del 18 marzo. L'accordo è stato annunciato dal ministro dello Sviluppo economico, Claudio Scajola.

Tra i temi che dovrebbero essere trattati nel decreto ci sarebbero anche alcune misure fiscali, come gli sgravi per le banche che hanno aderito alla moratoria per le piccole e medie imprese, una stretta sui paradisi fiscali e qualche novità sui giochi.

Tra gli altri settori interessati ci dovrebbero essere quello degli elettrodomestici, i mobili, i computer, ma anche le infrastrutture per la nautica. Spazio anche a norme relative al contenzioso fiscale e alla riscossione che avrebbero l'obiettivo non solo di alleggerire la mole di liti ma anche di finanziare le misure di sgravio a favore dei settori in crisi.

Il ministro Scajola ha spiegato: “Abbiamo lavorato prima con Tremonti, poi con il presidente del Consiglio'. I tre hanno fatto una panoramica complessiva: “Abbiamo definito i paletti entro i quali muoverci e già da stasera i nostri collaboratori stanno lavorando alla definizione di un provvedimento compatibile con la situazione in cui siamo'.

Si supera così l'impasse dopo mesi di 'tira e molla' quando il nodo sul tavolo e il punto di disaccordo, ora superato, tra i due ministri riguardava le poche risorse messe a disposizione e quindi l'impossibilità di sostenere concretamente i settori più colpiti dalla crisi, archiviata definitivamente l'ipotesi di un intervento sul settore auto. Dal Tesoro sarebbero arrivati infatti circa 200 milioni di euro e la restante parte avrebbe dovuto essere raggranellata tra le pieghe del bilancio.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il