BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Scegliere la scuola superiore dopo la riforma Gelmini: guida e consigli per i licei

Quale indirizzo scegliere dopo le novità della nuova riforme. Cosa cambierà



Dal prossimo anno, i corsi bilingue al classico e allo scientifico, così come quelli Pni (Piano nazionale informatica) allo scientifico: meno ore di lezione e meno materie da studiare, sparirà quasi totalmente il latino dal liceo linguistico e la musica dal socio-psicopedagogico e diminuiranno le materie di indirizzo del liceo artistico.

Dal prossimo mese di settembre, in tantissime classi del liceo classico si studierà di meno: 27 ore al biennio e 31 al triennio, con meno matematica, lingua straniera e storia dell'arte. Quando la riforma sarà a regime, del resto, saranno oltre 6.000 le ore di lezione che lo Stato erogherà nelle classi del liceo classico. Stesso discorso al liceo scientifico, dove i corsi con matematica e fisica potenziate o bilingue sono la maggioranza.

Da settembre, gli orari vengono uniformati: 27 ore al biennio e 30 negli anni a seguire. Più leggero anche il Liceo artistico: attualmente, quella più gettonata è la sperimentazione Michelangelo, con 40 ore a settimana a partire dal primo e 43 all'ultimo anno. Al Leon Battista Alberti di Firenze i sette corsi diurni sono tutti sperimentali, ma da settembre i sei indirizzi disponibili (arti figurative; architettura e ambiente; audiovisivo e multimedia; design; grafica; scenografia) dovranno farsi bastare 34 ore al biennio e 35 ore settimanali al triennio.

Il liceo linguistico sarà quello maggiormente penalizzato dalla riforma: sparirà quasi del tutto il latino, si ridurranno le ore di italiano, spariranno la musica e il diritto e si studierà meno matematica. Stesso discorso per i licei delle Scienze umane, che sostituiscono gli ex magistrali (ora licei socio-psicopedagogici), dove si ridurrano le materie scientifiche. Chiudono la rassegna dei nuovi licei i musicali e i coreutici, vera novità della riforma, dove si seguiranno lezioni di strumento musicale e di danza.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il