BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Professionisti e consulenti: la crisi ha colpito duro. Il ruolo delle Pmi

Scarseggiano consulenti e professioniti nell Pmi. La situazione



Intelligenza manageriale scarsa nelle Pmi italiane, il motivo? Un’azienda artigiana non riesce ad assumere e pagare un mago della finanza, del marketing o della logistica che possa fare da consulente nella data impresa o professionista.

Giuseppe Bruni presidente di Cna InProprio di Bologna, l’associazione che vuole rappresentare i professionisti, spiega “Le piccole imprese sono nate spesso sulla base di competenze tecniche che magari il fondatore ha appreso nell`azienda dove lavorava come dipendente. Ed è scontato che proseguendo il cammino il neoimprenditore sia portato in primo luogo a seguire l’evoluzione tecnologica del suo settore e a sottovalutare altre culture che non sono prettamente tecniche".

Cristina Mariani, esperta di marketing che ha pubblicato un libro e aperto un blog destinato alle piccole aziende, evidenzia, invece, come “nonostante i piccoli siano talmente occupati con mille altre cose e la comunicazione commerciale sia l’ultima delle loro preoccupazioni, è una cosa sbagliatissima considerarla tale perché nei mercati globali è necessario comunicare e farlo nel modo giusto.

Oltre al marketing le competenze da recuperare riguardano finanza e logistica e in giro per l`Italia sono sorte o stanno sorgendo diverse iniziative che vanno nella direzione di favorire le adozioni di professionisti”. Ciò a cui bisognerebbe, dunque, pensare sono politiche di rilancio e un intensificazione di rapporto con i piccoli in modo da riuscire ad entrare in un mercato quasi del tutto aperto

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il