BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pubblicità online 2010: la situazione, i problemi e le previsioni per il futuro

Non ingrana la pubbliità online. Situazione e previsioni



Scetticismo verso la pubblicità sui canali online,che ha fatto registrare un calo di circa-5%, a fronte di un declino generale dei ricavi pubblicitari nel 2009 ( giornali -36%,Ttv locali -22%, radio -22%, magazine -17%, grandi reti Tv -8%): questi sono i dati emersi dal report ‘State of the News Media 2010’ elaborato dal Project for Excellence in Journalism (PEJ) del Pew Research Center.

Per quanto riguarda l'informazione sul Web, il report evidenzia diversi ostacoli per la pubblicità online, a partire dalla difficile misurazione dell'audience reale e soprattutto della complessa monetizzazione. Infatti, nonostante 6 americani su 10 dichiarino di leggere le notizie in rete, la maggioranza (81%) sembra accettare di buon grado la pubblicità proposta, così da evitare eventuali accessi a pagamento.

Il report evidenzia, inoltre, come approssimativamente la stessa percentuale di intervistati dichiari di non cliccare mai, o quasi mai, sui banner presenti sulle proprie fonti preferite. Il 21% degli utenti americani (oggetto della ricerca) tendono a leggere le notizie su di una fonte soltanto, un terzo del panel ha confessato di avere un sito preferito, ma di seguirne anche altri, mentre la grande maggioranza ha spiegato di seguire tra 2 e 5 siti di informazione al tempo stesso. Pochi siti, quindi, raccolgono gran parte del traffico (il 10% dei siti raccoglie il 50% delle visite).

Tuttavia, l’utenza tende a snobbare l'idea di un accesso a pagamento alle proprie fonti preferite, mentre ammette di accettare senza problemi la pubblicità a patto di poter continuare ad accedere gratuitamente alle informazioni cercate. Al tempo stesso, però, l'81% degli intervistati ha spiegato di accettare di buon grado la pubblicità soprattutto perchè riesce ad ignorarla senza troppa fatica.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il