BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Certificato di nascita, matrimonio, residenza, stato di famiglia: tutti online su Internet a Roma

Niente più file a Roma per i certificati. Le novità online



Nel mondo ormai entrato a pieno ritmo nell’era digitale arriva anche la novità di certificati online, nata per poter gestire più velocemente e al meglio un settore burocratico della vita italiana. Così a Roma è stato dato l’ok al rilascio on line di 16 differenti tipi di certificato, per porre fine alle file agli uffici circoscrizionali.

Da oggi i cittadini romani potranno richiedere e ottenere i certificati da casa, visitando il portale www.comune.roma.it. Tra i certificati scaricabili on line quelli di cittadinanza, di matrimonio, di nascita, di residenza, di stato di famiglia e di stato libero; documenti autenticati dal timbro e dalla firma digitali e corredati dalla sigla olografa del sindaco Gianni Alemanno.

“Oltre ad eliminare le code agli sportelli, ha detto l’assessore comunale ai Servizi Tecnologici, Enrico Cavallari, la novità avrà un impatto notevole sulla quotidianità permettendo ai cittadini di recuperare tempo ed evitare i disagi dovuti allo spostamento, riducendo il traffico a vantaggio di un miglioramento della mobilità: basti considerare che i quasi due milioni di certificati che il Campidoglio emette annualmente potranno essere erogati senza che nessuno si muova da casa. Inoltre, i nostri utenti potranno pagare i certificati via web con carta di credito in tutta sicurezza”.

La rivoluzione tecnologica della Pubblica amministrazione della capitale contribuirà, inoltre, a contenere notevolmente i costi della burocrazia, favorendo un significativo risparmio anche in termini di tempo.

Per accedere al nuovo servizio promosso dal Campidoglio sarà sufficiente registrarsi al sito Internet e attendere la comunicazione della password e del codice PIN. Il pagamento per i diritti di segreteria o eventuale bollo potrà essere effettuato attraverso carta di credito.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il