BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Risparmiare sulla assicurazione rc auto? Come fare con decreto Bersani

Risparmiare sulle assicurazioni con il Decreto Bersani si può. Come fare



Risparmiare sulle assicurazioni con il Decreto Bersani si può. Assicurazione.it ha condotto un’indagine interpellando un campione di cinquecento automobilisti alle prese con la stipula contrattuale ex novo o con il rinnovo di una assicurazione per la macchina e il risultato è che sono decisamente in pochi coloro che sfruttano il vantaggio relativo all’acquisizione della classe di merito di un familiare convivente.

La percentuale media risulta pari al 7,5%, più elevata nelle regioni del Sud, mentre al Nord spesso il dato si attesta decisamente al di sotto della media e, sempre secondo quanto evidenziato da Assicurazione.it, questa tendenza è legata al fatto che già in età giovane si cerca l’indipendenza, lasciando casa e con la conseguenza che il figlio o la figlia non è più a carico dei genitori e quindi non può sfruttare il vantaggio del trasferimento della classe di merito di un familiare convivente.

Spesso la colpa di questo sistema è la disinformazione che impedisce, così, alle famiglie di ottimizzare i costi e risparmiare. Le nuova legge, infatti, prevede che un convivente che stipula ex novo un contratto Rc auto può evitare di pagare un premio che sarebbe salatissimo grazie alla classe di merito massima. Questo sistema di risparmio è possibile perché il decreto stabilisce che stipula il contratto per l’assicurazione di una macchina può acquisire quella di un altro parente convivente.

Secondo il CEO di Assicurazione.it, Alberto Genovese, fino a poco tempo fa gli italiani quasi sempre a scadenza di contratto Rc auto non si ponevano mai il problema di cambiare compagnia, ma ora con l’avvento dei comparatori online dei premi relativi ai contratti Rc auto proposti dalle compagnie le cose sono cambiate e la dimostrazione è che, per esempio, lo stesso Portale Assicurazione.it ogni mese veicola oltre 140 mila preventivi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il