BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Aprire azienda in un giorno solo e subito: come fare con la Comunicazione Unica dal 1 aprile 2010

Aprire azienda in un giorno solo possibile con Comunicazione Unica. Come fare



Aprire azienda in un giorno solo e subito sarà possibile dal prossimo primo aprila con la cosiddetta Comunicazione unica. Si tratta di un nuovo sistema di procedura telematica per poter sbrigare tutte le pratiche burocratiche necessarie.

A fornire maggiori informazioni su come dovrà essere compilata questa nuova procedura, è stata resa disponibile anche la Guida alla Comunicazione Unica che spiega come questa novità rientri nel progetto di sportello unico delle attività produttive. Il nuovo servizio consentirà di utilizzare le tecnologie informatiche per le comunicazioni al Registro Imprese, che si occuperà a sua volta delle richieste di codice fiscale e Partita IVA, apertura di posizione assicurativa Inail, iscrizione Inps dei dipendenti e lavoratori autonomi.

Per disporre di questa nuova procedura, sarà necesserio essere, però, intestatari di strumenti specifici come la posta elettronica certificata (PEC) e la firma digitale. Tutto si svolgerà, dunque, per via telematica, per cui chi intenderà avviare un'attività assolverà tutti gli adempimenti amministrativi previsti per l'iscrizione al Registro delle Imprese, ai fini previdenziali, assistenziali e fiscali via web.

Le nuove disposizioni saranno valide sia per le ditte individuali che per le società e ciò significa che non sarà più necessario presentare gli appositi modelli ai diversi Uffici di riferimento in base all'ambito di competenza.

Con la presentazione della Comunicazione unica al Registro delle Imprese, presso le CCIAA, sarà, infatti, possibile assolvere contemporaneamente tutti gli adempimenti amministrativi previsti, per l'inizio dell'attività, ricordando sempre che la Comunicazione unica dovrà essere utilizzata anche per comunicare eventuali variazioni, come anche la stessa cessazione dell'attività.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il