BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mutui 2010 a tasso variabile sono i più richiesti. E i tassi di interesse medi scendono

Boom di richieste di mutui a tassi variabili. Dati e la situazione



E’ boom di richieste di mutui a tassi variabili, mentre scendono i tassi di interesse medi. Complici, infatti, i tassi ai minimi storici (media 2,68%), i variabili rappresentano oggi circa l'80% dei nuovi finanziamenti accesi a inizio anno, decisamente in crescita rispetto alla quota del 69% nel 2009, del 28% nel 2008, del 44% nel 2007 e del 75% nel 2006.

A fotografare la nuova tendenza è stato il rapporto mensile dell'Abi l'Italia che, nonostante la crisi, evidenzia una crescita dei finanziamenti a differenza di molti paesi europei che hanno subito le conseguenze della bolla immobiliare. Il dato è stato calcolato prendendo in esame un campione di 707 banche, rappresentativo di oltre il 90% di tutto il settore e ne è risultato che le nuove erogazioni a gennaio scorso sono state pari a 2,3 miliardi di euro e di queste 1,8 mld sono state a tasso variabile.

In particolare a inizio 2010, per quanto riguarda i prestiti bancari per l'acquisto di abitazioni alla fine di gennaio lo stock di mutui per l'acquisto di immobili ha superato i 282 miliardi (+7%) confermando la ripresa iniziata a metà 2009.
Facendo un confronto fra la situazione italiana e altri paesi europei, il BelPaese primeggia in Europa per finanziamenti concessi alle famiglie per l'acquisto di immobili.

A gennaio il tasso annuo di crescita segnato dalle banche nazionali, a fronte, di un incremento di quasi il +7% in Italia, registra una variazione pari a +1,8% nella media Area Euro (+1,3% un anno prima), a +3,9% in Francia (+6,6% un anno prima), a -0,2% in Spagna (+5,4% in precedenza) e pari a +1,3% in Olanda (-4,3% 12 mesi prima).

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il