BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Incentivi cucine 2010: come fare richiesta. Sconto medio e agevolazioni

Fino a 7 mila euro di incentivi per l'acquisto di nuove case e cucine. Le novità del decreto



Il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto incentivi a sostegno dell’economia di alcuni settori. Diverse le novità previste e, fra queste, quelle che riguardano gli acquisti di nuove cucine. Oltre, infatti ad andare ad agevolare chi decide di acquistare un nuovo motociclo, i nuovi incentivi saranno stanziati anche per chi decide di rifarsi la cucina.

Insieme, infatti, agli incentivi previsti per le eco-case, quelle cioè a basso consumo energetico, per cui si potranno ricevere incentivi fino a 7000 euro, parecchi gli sconti previsti anche per chi decide di cambiare la cappa elettrica per cui è possibile uno sconto fino al 20% ed entro i 500 euro.

Stesso sconto, ma con un limite di 80 euro, per chi compra un nuovo forno o un piano di cottura. Il 20% di sconto vale anche per l'acquisto di una nuova lavastoviglie, con il limite di 130 euro. Previsto, invece, uno sconto immediato sul prezzo del 10% sino ad un massimo di 1.000 euro per la spesa di una cucina in sostituzione di una vecchia, con piano di cottura, forno e lavastoviglie da incasso, tutti di classe A.

I nuovi incentivi entreranno in vigore a partire dal prossimo 6 aprile e dureranno fino al 31 dicembre 2010, e fino ad esaurimento risorse. Lo stop alle richieste arriverà, infatti, nel momento in cui le risorse stanziate per quel determinato prodotto dovessero esaurirsi (quindi eventualmente anche prima del 31 dicembre).

Per ottenere i nuovi incentivi, i diversi clienti dovranno rivolgersi ai rivenditori prescelti chiedendo di utilizzare lo sconto. Il rivenditore poi verificherà l’eventuale disposizione del prodotto, via telematica, e lo comunicherà al cliente che usufruirà, dunque, dell’incentivo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il