BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Permessi stagionali 2010 per immigrati: come fare richiesta online su internet,date e scadenze

Come ottenere i nuovi permessi di soggiorno stagionali e chi può richiederli



Sarà emanato entro questa settimana il decreto di programmazione transitoria dei flussi 2010 per i lavoratori stagionali. La novità del ministro Sacconi prevede il rilascio di permessi di soggiorno stagionali per 80mila immigrati stagionali, che siano lavoratori stranieri impiegati a tempo nell'agricoltura, nel turismo o nell'edilizia.

Il ministro del Welfare annuncia che “Il decreto relativo a 80mila ingressi per lavoratori stagionali in agricoltura è quasi pronto, lo firmeremo a giorni” e inoltre che “Ci sarà anche una quota più contenuta nell'ordine di poche migliaia di persone, per gli ingressi non stagionali, per lo più lavoratori autonomi”. Il via libera ai lavoratori stagionali è stato più volte richiesto dalle organizzazioni di categoria del settore turistico e agricolo.

 E soprattutto la Coldiretti ha spesso ribadito: “Occorre fare presto, perché dopo la pubblicazione del decreto bisognerà attendere gli altri adempimenti amministrativi come il nulla osta dello Sportello Unico presso la Prefettura e il rilascio del visto presto i Consolati all'estero con il rischio concreto che i ritardi mettano in difficoltà l'agricoltura. Questi lavoratori sono indispensabili per le grandi campagne di raccolta delle principali produzioni Made in Italy: dalla frutta alla verdura, dai fiori al vino, fino agli allevamenti”. 

L'ultimo decreto flussi per l'ingresso di lavoratori subordinati non stagionali di nazionalità extraUe, emanato alla fine del 2008, aveva fissato un tetto di 150mila ingressi, 105mila dei quali riservati al lavoro domestico.

Per fare richiesta del nuovo permesso, è prevista una procedura informatica con domande d'ingresso on line: datori di lavoro che intendono assumere degli stagionali potranno inviare le domande di nulla osta agli sportelli unici per l'immigrazione, avvalendosi dell'apposito programma scaricabile dal sito internet del Viminale.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il