Donne tecnologia: la provincia di Bolzano tra i migliori 15 progetti

La Rete donne- lavoro promossa dalla Provincia è stata scelta insieme ad altri quattordici progetti come esempio di buone prassi nel settore donne e tecnologia a livello nazionale



La Rete donne- lavoro promossa dalla Provincia è stata scelta insieme ad altri quattordici progetti come esempio di buone prassi nel settore donne e tecnologia a livello nazionale.

Soddisfatta l' assessore provinciale Luisa Gnecchi: "La rete si è affermata come strumento per promuovere nuove forme di progettazione e qualificazione di fronte ai cambiamenti culturali e al nuovo contesto sociale in cui la donna si trova ad operare." Quindici progetti della Pubblica Amministrazione italiana, a testimonianza di un cambiamento in corso per conciliare il binomio donne e tecnologia, sono stati selezionati da una giuria di esperti e raccolti nel libro "Donne e tecnologia.

Le buone prassi nella Pubblica Amministrazione italiana" a cura di Antonio Dini, giornalista de Il Sole 24 Ore, con la prefazione del ministro per le Pari Opportunità Stefania Prestigiacomo.

Il volume è stato presentato a Milano per informare su quanto attuato da Regioni, Province e Comuni a favore del ruolo delle donne nella società e nel lavoro. I temi ricorrenti nelle buone prassi presentate riguardano le politiche di genere e la loro trasversalità, l'alfabetizzazione informatica, la cittadinanza digitale e le politiche di conciliazione dei tempi. delle donne e con l'ausilio della tecnologia. Uno dei 15 progetti selezionati è quello curato dalla Provincia di Bolzano, " Ripartizione Formazione professionale italiana" , della Rete donne-lavoro, che ha realizzato una rete tra servizi presenti sul territorio per il lavoro, la formazione e l'orientamento, la creazione d'impresa, i servizi per le famiglie.

L' assessore Gnecchi sottolinea:" Oltre a favorire l'accesso al mercato del lavoro, per riqualificare le proprie competenze professionali e per rispondere ad altre esigenze relative alla condizione lavorativa delle donne, la rete è un luogo virtuale, di incontro di scambio di idee e di riflessioni, che promuove nuove forme di progettazione, di fronte ai cambiamenti culturali e al nuovo contesto sociale in cui la donna si trova ad operare".
(AGE) Giulia Mascia

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il