BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Incentivi 2010: moto, cucine componibili, bonus casa. Cosa cambia dopo firma decreto attuativo

Firmato il decreto attuativo che definisce le modalità per la concessione dei nuovi incentivi fiscali. Le novità



E’ stato firmato dal ministro dello Sviluppo economico, Claudio Scajola, con il ministro dell'Economia e delle Finanze, Giulio Tremonti, e il ministro dell'Ambiente, Stefania Prestigiacomo, il decreto attuativo che definisce le modalità per la concessione dei nuovi incentivi fiscali varati dal governo per un valore complessivo di 300 milioni.

Questi soldi saranno destinati e validi per case ecosostenibili, ciclomotori, cucine ed elettrodomestici, macchine industriali e agricole che avranno lo scopo di aumentare la sicurezza sul lavoro, e abbonamenti a internet veloce per i giovani fino a 30 anni. All’indomani della firma, il ministro Scajola ha detto: “Grazie agli incentivi favoriremo l'acquisto di prodotti innovativi e a basso consumo energetico per più di un milione di famiglie, oltre a migliorare la sicurezza del lavoro per agricoltori e imprese.

Accedere allo sconto sarà semplicissimo: sarà necessaria solo una telefonata o un click del computer del rivenditore”. I consumatori potranno chiedere di usufruire della misura prevista dal decreto su un determinato prodotto direttamente al rivenditore, che dovrà verificare la disponibilità dei fondi chiedendo ad un apposito call center attivato presso le Poste. In caso di risposta affermativa, il rivenditore applicherà l’incentivo che potrà essere recuperato in un secondo momento presso gli stessi sportelli postali.

La misura più importante contenuta nel decreto è quella che riguarda le case eco-efficienti: previsti contributi da 5mila solo se si tratta di acquisto di immobili di nuova costruzione, da utilizzare come prima abitazione. Sconto del 10% sul prezzo di listino l’acquisto di cucine complete, fino ad un massimo di 1.000 euro e il decreto attuativo appena firmato definisce alcuni requisiti da osservare nella sostituzione di una vecchia cucina componibile.

Il bonus, infatti, scatterà solo se la nuova cucina avrà almeno due ettrodomestici ad alta efficienza, come frigorifero, congelatore classe A+ e A++, piano cottura a gas con dispositivo di sorveglianza fiamma, forno in classe A e lavastoviglie clase A. gli incentivi previsti, invece, per i ciclomotori sono di due categorie: il primo è per gli scooter e le moto euro 3 con limite di potenza entro i 70 kw che prevede uno sconto del 10% del prezzo di listino per un valore massimo di 750 euro.

Nel secondo tipo rientrano i motocicli elettrici e ibridi, per cui lo sconto è invece del 20% e con un limite massimo di 1.500 euro. Secondo il decreto attuativo firmato, per gli elettrici e gli ibridi non è necessaria la rottamazione, ma bisogna dare indietro un vecchio ciclomotore per beneficiare del primo tipo di incentivo, mentre per i motocicli con limite di potenza entro i 70 kw, il limite di cilindrata deve essere di 400 cc.
 
Autore:

Marianna Quatraro

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il