BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Leasing e mutui sospensione e moratoria per aziende professionisti: boom richieste 2009-2010

Boom per la sospensione leasing e mutui. I dati



E’ boom per la sospensione leasing e mutui da parte delle Pmi: a febbraio si è arrivati a quota 153 mila richieste (+13%), di cui 114mila approvate, il valore si aggira si aggira sui 9 miliardi di euro per mutui e leasing sospesi, 22.886 ancora in corso d'esame (per l'istruttoria ci vogliono in media trenta giorni).

Mentre sono 3.314 (2,2%) quelle non accolte. Il Ministero dell'Economia, inoltre, ricorda che le imprese hanno tempo fino al 30 giugno 2010 per presentare domanda per sospendere per 12 mesi i pagamenti bancari relativi a leasing e mutui. I settori da cui è pervenuto il maggior numero di richieste vanno da quello dell’industria e del commercio a quelli alberghiero e dei servizi, mentre dal punto di vista geografico, il 54,1% delle domande proviene dal Nord Italia.

L'Avviso comune sulla moratoria, inoltre, ha recentemente incluso alcune fattispecie di operazioni di particolare interesse per il settore agricolo ed è stata anche ampliata ai mutui con agevolazione pubblica. All'Avviso comune hanno aderitom insieme ad alcuni istituti di credito, numerose Camere di commercio e le Regioni Emilia Romagna, Lombardia, Marche, Piemonte, Toscana e Umbria.

Lo scopo dell’intesa resta quello di garantire la continuità aziendale a quelle imprese che hanno bisogno di liquidità per superare il periodo di difficoltà dovuto alla crisi, che, nonostante si dica passata, continua a far sentire i suoi effetti.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il