Conti correnti semplici:canone fisso che include tutte le operazioni o quasi.Le offerte delle Banche

Conti correnti semplici: cosa prevedono. Le differenze con il servizio di base delle banche



Faranno il loro debutto da metà aprile i conti correnti semplici, che prevedono il pagamento di un canone fisso comprendente quasi tutte le operazioni, e i primi istituti a far entrare quesi conti saranno quelli del gruppo Banco popolare. Lanceranno, infatti, un conto corrente che, al costo annuo di 36 euro, includerà pagamenti, prelievi, consultazione dell'elenco movimenti e versamento di contanti e assegni, accesso ai canali alternativi allo sportello e una carta bancomat).

Dopo Banco Popolare, sarà Barclays a lanciare la sua versione del conto corrente semplice, mentre la strategia operativa di Bnl, Mps, Intesa Sanpaolo, UniCredit e Banca continua a privilegiare il servizio bancario di base, un prodotto simile al conto corrente semplice ma ancora non molto diffuso.

Tra il conto corrente semplice e il servizio di base, l’Abi sottolinea che vi sono delle differenze, a partire dal numero fisso di operazioni di scrittura contabile e di servizi, per arrivare ad una tariffazione a canone omniconmpresivo.

Entrambe le soluzioni si rivolgono, comunque, ad una clientela con esigenze non eccessive e prevedono una carta di credito, libretto degli assegni, forme di finanziamento (scoperto di conto, prestiti, mutui, etc.) e deposito titoli per gli investimenti (Bot, obbligazioni, azioni). Il conto corrente semplice è un ulteriore ‘arma’ dell sistema bancario italiano per tornare all'attacco dei clienti non bancarizzati, considerando che il servizio base non ha riscosso l’interesse previsto.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il