BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Unico 2010 persone fisiche: date scadenza per presentazione e aiuto per compilazione modello

Novità e date da rispettare per la presentazione del modello Unico 2010



Il 30 aprile scade la prima data di presentazione del modello 730 2010 relativo alla dichiarazione dei redditi per l’anno 2009, mentre chi presenterà il modello Unico 2010 Persone Fisiche, la prima data di scadenza è prevista per il prossimo 2 maggio, mentre il termine ultimo è quello del 30 giugno del 2010.

Il modello Unico 2010, se presentato in modalità cartacea, deve essere depositato presso un Ufficio di Poste Italiane, Se, invece, la presentazione avviene via telematica, il termine di scadenza è quello del 30 settembre 2010 sia che sia il contribuente stesso a trasmetterlo, sia che a farlo sia un intermediario abilitato per conto del contribuente.

Per compilare il modello Unico 2010, ci si può rivolgere o all’assistenza dei funzionari dell’Agenzia delle Entrate presso tutti gli Uffici sul territorio nazionale, che si può contattare tramite appuntamento attraverso il sito Internet dell’Agenzia delle Entrate, www.agenziaentrate.gov.it, o ad un professionista abilitato alla compilazione. Il saldo delle imposte deve essere pagato entro e non oltre la data del 16 giugno 2010 oppure entro e non oltre il 16 luglio 2010, applicando sul corrispettivo una maggiorazione dello 0,40%.

Anche per chi paga le tasse a rate la prima deve partire entro il 16 giugno o entro e non oltre il 16 luglio 2010 con la maggiorazione, altrimenti il contribuente sarà costretto ad avvalersi dell’istituto del ravvedimento operoso che comporta l’applicazione, oltre agli interessi, delle sanzioni pecuniarie.

Il modello Unico 2010 presenta una novità rispetto all’anno scorso: l'agevolazione prevista dalla Tremonti ter. Si tratta della detassazione prevista del 50% per gli investimenti in macchinari compresi nella tabella Ateco 2007.

Le altre novità riguardano la scelta nel frontespizio per la destinazione del cinque per mille, con cinque possibili alternative; l’introduzione della casella 3 per segnalare l'eccedenza di ritenute che viene restituita alla società di persone o associazione professionale cui partecipa il contribuente; e i righi per la gestione delle perdite emergenti dall'istanza di rimborso legata alla deducibilità del 10% dell'Irap dall'Irpef.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il