BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Fatture e pagamenti tra imprese e pubblica amministrazione:tempi medi in Italia i peggiori in Europa

Maglia nera all'Italia per il ritardo nei pagamenti della pubblica amministrazione. La situazione



Italia maglia nera europea per i ritardi nei pagamenti della pubblica amministrazione e dei privati. Dal 2007 ad oggi la percentuale delle imprese italiane puntuali nei pagamenti con i propri fornitori è scesa di circa il 10%.

Questi i dati diffusi dall'Osservatorio sull'andamento dei pagamenti aziendali in Italia realizzato da Cribis D&B, società specializzata nella business information nata dalla recente acquisizione di D&B Italia da Crif, gruppo che opera nel campo dei sistemi di informazioni creditizie. 

I numeri parlano chiaro e sono allarmanti: gli enti pubblici fanno attendere in media 128 giorni, rispetto ai 61 della media europea, mentre le aziende private saldano i fornitori in 88 giorni, 31 in più rispetto ai concorrenti d’Europea. I continui ritardi costano alle nostre imprese circa 934 milioni di euro l’anno e a risentirne maggiormente sono le piccole e medie imprese che hanno difficoltà ad avere accesso al credito.

Il settore che più di ogni altro subisce la lentezza degli enti pubblici è quello sanitario.La Corte dei conti stima che i debiti commerciali del settore siano circa di 33 miliardi. In alcune regione, poi, come Campania, Calabria e Molise i tempi medi di pagamento del servizio sanitario nazionale hanno superato, nel 2009, i 600 giorni.

Sergio Dompé, presidente di Farmindustria, ha spiegato: “Siamo disponibili ad aumentare i controlli sulla spesa nel settore sanitario per evitare gli sprechi ma lo stesso rigore ce lo attendiamo per i pagamenti. Non è neanche vero che costiamo troppo: in Italia la spesa sanitaria è di 188 euro a cittadino contro i 265 della media europea. Non siamo incoscienti, sappiamo delle difficoltà dello Stato, però crediamo che sia giusto mandare un segnale di disponibilità a quelle imprese virtuose che hanno sempre svolto un ruolo di partner corretto nei confronti della pubblica amministrazione”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il