BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Incentivi elettrodomestici,cucine,scooter 2010:20mila prenotati e 100mila telefonate al call-center

E' corsa ai nuovi incentivi statali. I dati della prima giornata



E’ iniziata ieri, 15 aprile, la corsa agli incentivi. Appena entrati in vigore, infatti, 20.000 ne sono stati già prenotati in sole 24 ore e circa100.000 sono state le telefonate che nella sola giornata di ieri hanno intasato i call center delle Poste.

Per ulteriori informazioni, sono stati istituiti il numero verde (800-123450 da rete fissa e 199-123450 da rete mobile, con il costo della chiamata variabile a seconda dall'operatore telefonico utilizzato) e la pagina web di Poste Italiane dedicati ai consumatori. Mentre i venditori potranno chiamare il numero verde 800-556670.

Le migliaia di telefonate al call center di Poste Italiane, che continuano ancora oggi, sono rappresentazione della necessità da parte dei cittadini di ottenere sconti e agevolazioni negli acquisti di cucine, elettrodomestici, motocicli, banda larga, e della preoccupazione di arrivare troppo tardi e sentirsi dire che non c’è più disponibilità di risorse. Una volta effettuata la telefonata ai call center, una voce registrata elencherà tutti i settori interessati dagli incentivi, poi a seconda di quello interessato dovrete premere l'apposito tasto.

In un secondo momento, e presumibilmente a partire dalla prossima settimana, le informazioni saranno ancora più dettagliate perché indicheranno ai consumatori anche i negozi più vicini dove ci si può recare per ottenere lo sconto richiesto. Nessuna possibilità, dunque, di parlare con un operatore.

I venditori, invece, per garantire lo sconto richiesto dal cliente, dovranno registrarsi in uno specifico elenco prima di poter attivare l’erogazione degli incentivi ai consumatori, mentre per gli abbonamenti ad internet veloce dovranno registrarsi non i rivenditori ma gli operatori delle telecomunicazioni, attraverso l’indirizzo e-mail contributi.bandalarga@postcert.it.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il