BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Goldman Sachs e la nuova frode derivati:inchiesta anche su altre banche.Riforma e regole da cambiare

Una nuova minaccia per l'economia mondiale? La frode Goldman Sachs



Dopo il mea culpa dell’ex presidente Usa Bill Clinton che, in un salotto televisivo, ha ammesso errori e superficialità nella valutazione di alcune situazioni economiche che hanno portato al collasso finanziario di due anni fa al tramonto di colossi dell’economia mondiale, si profila all’orizzonte una nuova minaccia, diffusasi in seguito agli ultimi scandali di Wall Street come quello che vede coinvolta Goldman Sachs.

Finita nel mirino di un’indagine per frode da parte della Sec (Consob Usa), il colosso finanziario si trova ora a dover fare i conti con le authority di Gran Bretagna e Germania, cui avrebbe venduto prodotti derivati legati ai mutui subprime senza comunicare tutte le informazioni necessarie.

Si tratta dei Collateralized debt obligations, prodotti strutturati legati ai mutui e considerati da molti una delle cause della crisi del credito assieme ai derivati. Così mentre il premier britannico Gordon Brown annuncia l’avvio di un’indagine speciale sulle attività britanniche di Goldman Sachs, il Financial Service Authority (la Consob britannica) sta già indagando sulle attività della Goldman Sachs nella City, e anche Germania si dice pronta ad avviare azioni legali.

Ciò che si teme è l’esplosione di una nuova finanziaria che possa mettere di nuovo in ginocchio l’economia mondiale. Ma l’inchiesta dalla sola Goldman Sachs si allarga a comprendere operazioni finanziarie condotte da altre grandi banche di Wall Street. Fra queste, Ubs, Citigroup, JpMorgan Chase, Merrill Lynch (oggi in Bank of America) e Deutsche Bank sono solo le più in vista.

E’ proprio questa nuova minaccia che ha spinto il presidente Obama, nell’ultimo Congresso, a proporre la necessità di nuove riforme che regolino soprattutto la trasparenza delle operazioni finanziarie e che dovranno prevedere “una rigida regolamentazione dei derivati assieme alla creazione di un’Agenzia federale incaricata di tutelare i consumatori di prodotti finanziari, alla formazione di un consiglio per scoprire le nuove minacce contro i mercati e alla possibilità di intervenire contro la crescita a dismisura di banche troppo grandi per cadere e capaci di travolgere l’intero sistema”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il