BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tassi di interesse mutui: quali sono i più bassi e i migliori ad Aprile-Maggio 2010?

I migliori mutui attualmente proposti dalle banche. Quali sono



I migliori mutui attualmente proposti dalle banche, frutto della somma dell’euribor e dello spread risulta risulta il mutuo a tasso variabile, ma questa è una tendeza confermata già da inizio anno.

In questo ambito è stata stilata una classifica, pubblicata su Mutuiaconfronto.com, delle offerte del miglior mutuo a tasso variabile. Il podio spetta all’offerta Credem, il Credito Emiliano, che propone un tasso pari ad appena l’1,32%. Segue con l’1,44% il mutuo Freedom di Mediolanum e poi al terzo posto troviamo il mutuo Libero di Barclays con l’1,45%.

Dal quarto al decimo posto ci sono, rispettivamente, i mutui a tasso variabile dall’1,45% all’1,55%, cioè con scarti di tasso applicati molto contenuti e le altre banche in classifica sono la Banca Popolare di Bari, la Banca Popolare di Milano, di nuovo il Credem, la Banca Popolare dell’Emilia-Romagna e Unipol.

Certo, la scelta del mutuo a tasso fisso o a tasso variabile, indipendentemente dall’andamento del mercato, deve soddisfare appieno le proprie esigenze e disponibilità. Così, molti scelgono il tasso fisso per non avere sorprese in futuro anche perchè si presume che il costo del denaro tornerà ad alzarsi, per cui risulta più vantaggioso sapere di dover pagare una rata costante e sicura, in tempi incerti. Ma, per chi sceglie il tasso variabile, attualmente può stare tranquillo anche se fra qualche tempo le cose, forse, inizieranno a cambiare.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il