Ripresa economica a fine 2010 e nel 2011 in Italia secondo manager e Pmi in ricerca Regus

bisognerà aspettare il 2011 per assitere ad una concreta ripresa economica in Italia



Gli analisti avevano previsto una ripresa dell’economia globale per questo 2010 ed effettivamente l'economia inizierà a mostrare segnali di crescita decisi solo da dicembre 2010. Questo quadro ottimistico, però, non riguarderà in Italia, dove, si stima, non ci sarà alcuna ripresa prima del 2011.

Sono questi i risultati emersi dal ‘BusinessTracker’ realizzato da Regus, il sondaggio sugli indicatori economici condotto in più di 75 paesi e con oltre 15mila partecipanti. L'82,4% dei manager italiani, pessimisti, ha indicato nei primi mesi del 2011 la ripresa economica, più tardi rispetto al resto del mondo, dove la percentuale è stata del 56%.

Così l’entusiasmo che regna nel resto d’Europa, sembra decisamente più pacato nel BelPaese. E i motivi sono piuttosto semplici, basta guardare ai numeri: il 38% di tutte le aziende italiane haregistrato un calo degli utili, contro il 30% di quelle straniere; il 40% delle aziende italiane ha registrato una diminuzione delle entrate, mentre tra le Pmi la percentuale scende al 37%.

Concentrandosi sulle piccole e medie imprese, per il 66% (46% a livello mondiale) è forte la pressione politica sulle banche al fine di allentare i criteri per l'erogazione dei prestiti, mentre l'83% delle Pmi italiane vedrebbe di buon occhio maggiori incentivi fiscali per le imprese, segno di sostegno da parte del governo.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il