BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Codice della strada 2010: novità punti patente, multe, permesso ad ore, casco in bicicletta

Via libera al nuovo codice della strada. Cosa cambia



Con 138 voti favorevoli, 3 contrari e 122 astenuti, passa il ddl che propone le novità in materia di sicurezza della strada. Hanno votato a favore Pdl e Lega e si sono astenuti i senatori del Pd, dell'Italia dei Valori, del Gruppo Misto e delle Autonomie. Ora il testo passa alla Camera in terza lettura per il via libera definitivo.

Soddisfatto il ministro delle Infrastrutture, Altero Matteoli, che ritiene si tratti di un buon testo che contribuirà a elevare i livelli della sicurezza stradale, determinando la diminuzione del numero delle vittime. La novità principale riguarda l’uso delle Minicar che per la prima volta entrano a far parte di una misura che regola le norme sulle strade.

Diventa, infatti, obbligatorio l'uso delle cinture e chi ha avuto la patente sospesa non può guidare neanche una minicar o un motorino. Previste, inoltre, multe salate che andranno da 148 fino a 594euro, per chi porta la cilindrata oltre i 50, multe anche per i meccanici da 389 fino a 1.556 euro. Chi vorrà prendere la patente deve sottoporsi prima a un test antidroga, che diventa obbligatorio anche per il rinnovo della patente di chi guida mezzi pubblici, taxi e camion.

Chi, invece, ha subito la sospensione della patente professionale perchè ubriaco o sotto gli effetti della droga, può essere licenziato per giusta causa dal datore di lavoro. Chi sarà soggetto a tale sanzione, potrà, però, chiedere al prefetto una deroga di tre ore al giorno per recarsi al lavoro o per fini sociali o umanitari.

Diventa obbligatorio anche per i ristoranti dotarsi di un minietilometro che ogni cliente dovrà utilizzare prima di verificare se possibile mettersi o meno alla guida. Novità anche per chi porta un bambino su un motociclo, condizione in cui non dovrà superare i 60 km/h.

Per i minori dai 5 ai 12 anni è obbligatorio un apposito seggiolino, mentre salta l'ipotesi del casco integrale obbligatorio, che lo sarà, però, solo per i ragazzi fino a 14 anni che usano le bici. Nessuna novità, invece, per quanto riguarda i limiti di velocità, che resteranno fermi sui 130 Km/h e, sollievo per tutti i fumatori, nessuna sanzione sarà prevista per chi fuma alla guida.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il