BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Trovare lavoro nell'ICT: quando conviene affidarsi a cacciatori di teste

I cacciatori di teste per trovare lavoro. Quando si ha bisogno di loro



Dopo l’anno della terribile crisi economica che ha letteralmente travolto il settore occupazionale, il mercato del lavoro sta tornando a mostrare segni, seppur lievi, di ripresa. Anche le assunzioni nel settore IT stanno lentamente riprendendo, a cominciare dagli USA, ma molti professionisti del settore faticano ancora a trovare posto o comunque posti all’altezza dei loro curriculum.

Per ottenere migliori risultati, si potrebbe pensare ad un’alleanza con una società di selezione del personale, o per  manager e per quadri, con un ‘cacciatore di teste’. La rete di contatti di un professionista della ricerca del personale, e la sua conoscenza del mercato del lavoro, possono, infatti, essere portatori di grande successo e offire darvi accesso a una gamma di opportunità che va oltre le classiche inserzioni che si trovano sui giornali e sul web.

Si può così anche guadagnare tempo e avere la possibilità di concentrarsi essenzialmente sulle proposte che sembrano migliori e più promettenti. Il cacciatore di teste può anche essere valido aiuto nel rivedere il vostro curriculum e l’impostazione delle lettere di presentazione, evidenziando le competenze più appetibili per il mercato, in modo da attirare meglio l’attenzione dei selezionatori, e in alcuni casi può diventare una sorta di pass partou gratuito per corsi di formazione o aggiornamento.

Qualche professionista IT affronta il primo colloquio con un selezionatore come un esame, cercando di impressionare l’interlocutore e di dare le ‘giuste’ risposte alle sue domande. Ma spesso sarebbe meglio puntare sullo spiegare i propri interessi, capacità e aspirazioni, per ottenere un buon risultato.

Se, infatti, si parla chiaramente delle proprie esperienze e conoscenze, si darà al selezionatore la possibilità di scegliere le migliori opportunità di lavoro per ognuno. Ed ecco che un primo passo verso l’ormai complicato mondo del lavoro è compiuto.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il