BusinessOnline - Il portale per i decision maker








E-commerce 2010 in Italia cresce. Statistiche

Cresce l'e-commerce in Italia. I settori che guidano lo sviluppo. Previsioni



Torna a crescere l’e-commerce in Italia, dopo la brusca frenata subita nel corso nello scorso 2009. Nel primo trimestre del 2010, infatti, le transazioni online hanno registrato un più 16%.

A trainare la ripresa del settore è stato decisamente l'abbigliamento che ha registrato un più 51%. Secondo quanto emerge dalla ricerca condotta dall'Osservatorio E-Commerce B2c Netcomm e presentata alla Borsa di Milano in occasione dell'e-Commerce Forum 2010, la crescita del settore riguarda tutti i comparti: incrementi a doppia cifra, infatti, sono stati registrati da informatica e elettronica (+23%), turismo (+23%), editoria, musica e audiovisivi (+19%), e assicurazioni (+17%).

Secondo le previsioni di Netcomm, il giro d'affari dell'e-commerce italiano raggiungerà a fine 2010 oltre 6,5 miliardi di euro. Un valore che però rappresenta solo il 3% del mercato europeo del commercio on-line.

Ciò che emerge dai dati è che, diversamente da quanto accade negli Usa e in altri paesi europei, in Italia primeggia la vendita dei servizi (66%) rispetto ai prodotti e questo accade perché, secondo Roberto Liscia, presidente di Netcomm, in “Italia manca un'offerta vasta e diversificata.

In Italia gli e-buyer rappresentano solo il 12% della popolazione, mentre in Europa tra il 2004 e il 2009 la percentuali degli individui che ha acquistato su internet per uso privato è passata dal 22% al 42%. Il motivo di questo gap italiano è il ritardo dello sviluppo della banda larga”.

Le altre novità della ricerca riguardano i comportamenti degli italiani al momento dell’acquisto di prodotti elettronici: gli italiani, infatti, cercano prima una relazione più stretta col venditore, una maggiore trasparenza contrattuale e più informazioni per un acquisto più consapevole, e solo dopo si conclude la transazione.

Per quanto riguarda le previsioni future, nel 2010, crescerà lo scontrino medio (+6%), grazie soprattutto alle performance di assicurazioni e turismo, sia il numero degli ordini grazie al buon andamento di tutti i settori, il settore dell'export dovrebbe superare la soglia del miliardo di euro, grazie ad abbigliamento e turismo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il