BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Carte prepagate a zero costi senza spese di ricarica

La proposta Fineco a costo zero. Come funziona



E’ un mezzo semplice, comodo e tranquillo per effettuare acquisti nei negozi e su Internet: sono le carte prepagate. Le carte prepagate costituiscono in Italia un fenomeno in continua espansione anche grazie al moltiplicarsi delle offerte da parte delle banche e società di credito.

Queste carte funzionano esattamente come delle normalissime carte di credito e con un meccanismo piuttosto semplice: al momento della richiesta si carica la carta con l'importo desiderato. In seguito si potrà spendere tale importo effettuando acquisti attraverso il circuito Visa o Mastercard sia online che nei negozi.

Scegliere la prepagata giusta significa valutarne prima anche costi ‘ di mantenimento’. Uno dei costi più frequenti cui il titolare di una carta prepagata è quello della ricarica: molte prepagate proposte dagli Istituti di credito prevedono, infatti, costi di ricarica variabili in genere tra 1 e 2 euro ad operazione in base al canale utilizzato.

Ma ce ne sono altre che non prevedono alcun costo. Fra le ultime proposte a zero costi spicca quella di Fineco: l titolare di un conto corrente Fineco può richiedere la carta prepagata ricaricabile per se stesso, per un altro membro della propria famiglia o regalarla ad un amico.

Consultando online al proprio conto corrente, Fineco offre poi sempre la possibilità di controllare il credito residuo sulla propria carta, consultare la lista dei movimenti relativi alle spese e ai prelievi effettuati e la lista delle ricariche che sono state effettuate. Il conto corrente Fineco ha un costo base di 5,95 euro al mese, ma che tende ad azzerarsi o utilizzando i servizi o con accredito dello stipendio oppure della pensione.
 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il